Jawapedia
Advertisement
Jawapedia
12 003
pagine
Featured article.png
Rogue one battle of scarif by tdsod-daszb8e.jpg
  •  Mio padre ha dato la vita per permetterci di sconfiggere questo orrore! 
  •  Se l'Impero ha questo genere di potenza che possibilità ci resta?! 
  • Possibilità, lei si chiede? Io mi chiedo: che scelta?! Fuggire, nascondersi, implorare pietà, smobilitare le forze! Piegatevi a un nemico così malvagio e così potente e condannerete la galassia a un'eternità di sottomissione! Il tempo di combattere è ora! Ogni momento perso è un ulteriore passo verso le ceneri di Jedha! Inviate le migliori truppe su Scarif, inviate la flotta Ribelle se dovete. Impadronitevi dei piani della Morte Nera e avrete una speranza di distruggerla. 
  •  Tu ci stai chiedendo di invadere un'installazione imperiale basandoci solo sulla speranza?! 
  • Le ribellioni si fondano sulla speranza!

Jyn Erso al Consiglio dell'Alleanza Ribelle


La Battaglia di Scarif fu la prima grande battaglia della Guerra Civile Galattica,  non pianificata, frutto di una serie di

Lo squadrone Rogue One.

eventi concomitanti che condusse i contendenti all'appuntamento fatale.

Prima della Battaglia, l'intelligence dell'Alleanza Ribelle intercettò informazioni secondo le quali lo scienziato Galen Walton Erson era coinvolto nella costruzione di una Stazione da Battaglia di enorme potenza, per saperne di più, Mon Mothma - leader dell'Alleanza - inviò la figlia di Galen, Jyn Erso e Cassian Jeron Andor ad indagare, e gli eventi portarono l'Alleanza a scoprire che sul pianeta Scarif si trovavano i piani della Morte Nera. Quando Jyn propose di andare a prenderli, il Consiglio dell'Alleanza si rifiutò, ma col suo discorso ispirò un gruppo di Ribelli, i Rogue One, che si recarono con lei sul pianeta.

In seguito ricevettero il supporto della Flotta dell'Alleanza Ribelle, guidata dall'Ammiraglio Raddus. Nel frattempo Erso, Andor e K-2SO si erano infiltrati nell'impianto dove si trovavano i piani. Da qui, grazie alla distruzione di una Porta Scudo, inviarono i piani all'Ammiraglio Raddus, che li consegnò alla Principessa di Alderaan Leia Organa affinché li recapitasse al Consiglio dell'Alleanza Ribelle su Yavin 4.

Preludio

" Mi spiace Jyn, ma senza il pieno appoggio del Consiglio i rischi sono troppo grandi "

- Il Cancelliere dell'Alleanza Ribelle Mon Mothma comunica a Jyn Erso che l'Alto Comando non sosterrà nessun attacco diretto all'Impero Galattico

La riunione del Consiglio dell'Alleanza Ribelle per decidere se attaccare Scarif.

L'Impero stava costruendo  una Stazione da Battaglia di enorme potenza, ormai operativa, seppure non terminata. Tutti i servizi di informazione dell'Alleanza Ribelle cercavano notizie, ma ben poco trovarono; finché un giorno si presentò a Saw Gerrera un pilota di cargo spaziale, Bodhy Rook, asserendo di essere latore di un messaggio da parte di Galen Erso.

Nel messaggio, Galen Erso diceva che poteva spiegare ai Ribelli come distruggere la Morte Nera. Il problema era che per l'Alleanza Ribelle Erso era a tutti gli effetti considerato un traditore e fidarsi di lui era difficile, si decise perciò di verificare l'autenticità del messaggio servendosi della figlia di Erso, Jyn, che era in buoni rapporti con Gerrera.

Jyn con il Capitano Cassian Jeron Andor ed il droide Imperiale riprogrammato K-2SO, si recò su Jedha, parlò con Saw Gerrera, vide il messaggio, parlò con Bodhy Rook, si convinse che il padre non era un traditore, ma che era riuscito a creare un punto debole nella struttura della Morte Nera e che perciò si doveva fare il possibile per recuperarlo e portarlo su Yavin IV.

Purtroppo, arrivarono troppo tardi, su indicazioni di Rook, si recarono su Eadu , ma l'unica cosa che riuscì ad ottenere fu quella di poter raccogliere le sue ultime parole: ora che lui non poteva più aiutarli, l'unico modo per ottenere le informazioni era quello di rubare i piani costruttivi della Morte Nera, contenuti in un file, custodito negli Archivi Imperiali sul pianeta Scarif.

Ma quando Jyn si recò in Consiglio per illustrare i risultati della missione e ottenerne l'appoggio, si sentì dire che non era possibile attaccare Scarif, troppo ben difeso, troppe perdite previste, troppe le truppe da impiegare, non ultimo, qualcuno non era neppure sicuro che tale arma esistesse.

La battaglia

" Non hanno idea che stiamo arrivando. Non hanno alcuna ragione per aspettarci. Se possiamo arrivare a terra, avremo la possibilità di avere il nostro rischio, e se non sarà quello sarà quella dopo, o quello dopo ancora, e così di rischio in rischio fino alla vittoria, o fino a quando i rischi avranno la meglio. "

- Sergente Jyn Erso

Disobbedienza

Jyn uscì dalla sala del Consiglio masticando amaro, tutto ciò che aveva fatto con i suoi compagni, tutto ciò che aveva fatto suo padre, la morte di sua madre, anni di vita sotto falso nome, quello che era successo a Jedha, tutto questo non serviva, nulla serviva, non si fidavano, avevano paura, ma non poteva, non doveva finire così, questo era il momento giusto per fare qualcosa, non se lo aspettavano, si sentivano sicuri, forse c'era una possibilità, forse il Consiglio non aveva tutti i torti, la Flotta Ribelle non era in grado di attaccare Scarif, bastava che chiudessero il Portale dello Scudo e sarebbero stati distrutti, ma pochi uomini, decisi, ce la potevano fare. 

Doveva parlarne con i suoi compagni, doveva convincerli, ci doveva riuscire !

Non fece nessuna fatica, anzi, tutti i suoi compagni e numerosi altri soldati erano pronti ad andare su Scarif, trovare il file, trasmetterlo e poi non aveva più importanza, in qualche modo se la sarebbero cavata.

La Squadra:  Jyn Erso, Capitano Cassian Jeron Andor,  K-2SO,  Bodhi Rook,  Baze Malbus, Chirrut Îmwe,  Sergente Ruescott Melshi,  Luogotenente Taidu Sefla delle Forze Speciali e la sua squadra,  Pao, un Drabatan anfibio.

Senza dare nell'occhio, requisirono uno Shuttle Mercantile Classe Zeta, precedentemente rubato, vi caricarono armi, munizioni, sistemi di comunicazione, esplosivi, tutto ciò che poteva servire per la missione e poi partirono, vanamente richiamati dai controllori del traffico aereo.

Infiltrazione

Bodhi: " C'è uno scudo planetario con solo un portale principale. Questa navetta dovrebbe equipaggiare un codice che ci dà l'accesso."

K-2SO:"  Ammesso che l'Impero non l'abbia registrato come scaduto." 

Jyn:" In questo caso? " 

Bodhi:" Chiudono il portale e saremo annientati nel gelido oscuro vuoto dello spazio. " 

K-2SO:" Non io. Io sopravvivo nello spazio."

[...]

K-2SO " Ci richiedono un nome in codice "

Bodhi: "Ehm... Rogue, Rogue One"

Una volta in volo, definirono il piano d'azione, giunti al suolo si sarebbero divisi in due gruppi, il primo composto da Jyn, Andor e K-2SO, sarebbero penetrati nella torre degli archivi imperiali, mentre tutti gli altri dovevano creare una serie di diversioni in modo che la guarnigione pensando di essere sotto attacco reagisse, lasciando libero il campo al gruppo di ricerca.

Giunti al portale dello scudo, lo superarono grazie alla conoscenza delle procedure imperiali di Bodhi, una volta a terra si accinsero ad attendere la visita delle autorità portuali, per dare il via all'azione.

Furball

" In dieci uomini dovete fare come foste cento "

- Capitano Cassian Jeron Andor alla squadra Rogue One

Pochi minuti dopo, il Tecnico Kent Deezling ed il Tenente Colin Hakelia, salirono a bordo per ispezionare il carico,

Cassian Andor, Jyn Erso e K-2SO si infiltrano nella torre di Scarif.

pochi istanti e Jyn e Andor indossando le divise dei due malcapitati, lasciarono la nave seguiti da K-2SO  dirigendosi verso l'edificio; in contemporanea, gli altri componenti della squadra uscirono alla chetichella, sparpagliandosi per il campo di volo e minando tutto ciò che capitava a tiro.

Pochi istanti e si scatenò l'inferno, velivoli e veicoli esplodevano in sequenza, spari lungo tutto il perimetro della base, sembrava proprio un attacco in piena regola e con un cospiquo impiego di truppe, le forze di difesa; Stormtrooper, Shoretrooper e Death Trooper, reagirono come ci si aspettava, confluendo all'esterno e cercando di contrattaccare il nemico. 

Tutto stava funzionando come previsto, intanto Jyn, Andor e K-2SO erano all'interno della torre degli archivi proseguendo la ricerca e Bodhi Rook stava cercando di predisporre un collegamento con la Flotta o con il Comando Ribelle, ma aveva delle difficoltà.

Arriva la Flotta

" Qui è Gold Leader, stiamo iniziando la corsa d'attacco al portale dello scudo "

- Capitano Jon Vander, comunicazione alla Flotta dell'Alleanza Ribelle.

L'Ammiraglio Raddus, comandante della Flotta dell'Alleanza Ribelle, appena fu avvisato della partenza senza

Rebel Fleet above Scarif.jpg

autorizzazione della squadra, capì cosa stesse accadendo, conscio del fatto che avrebbero avuto bisogno di rinforzi e di appoggio aereo, mosse la flotta verso Scarif; emergendo dall'Iperspazio nelle vicinanze del pianeta, ordinò ai gruppi di X-Wing e di U-Wing di dirigersi sul pianeta alla massima velocità.

Gli uomini addetti al funzionamento del portale furono colti di sorpresa dalla comparsa della Flotta dell'Alleanza Ribelle e ritardarono di pochi attimi la chiusura del portale, 9 X-Wing ed un U-Wing riuscirono a passare due si schiantarono sullo scudo ed altri quattro riuscirono ad evitare  il disastro; da questo momento, l'apertura dello scudo divenne il punto focale della battaglia nello spazio, e chiaramente laFlotta dell'Impero Galattico non stette a guardare.

X Wing heading toward the sheild gate.jpg

A terra intanto le cose si stavano mettendo male, le truppe imperiali si erano riorganizzate e stavano contrattaccando in modo sempre più deciso, facendo valere la loro superiorità di uomini e mezzi, comparvero anche dei trasporti truppe corazzati AT-ACT , contro cui i Ribelli ben poco potevano fare. Sembrava che le cose volgessero al peggio.

All'interno della torre nel frattempo Jyn, Andor e K-2SO, si diressero agli archivi, dopo aver eliminato un tecnico, K-2SO iniziò la ricerca del file mentre Erso e Andor entrarono nel caveau dove erano custoditi tutti i documenti più importanti e segreti.

Alcuni Stormtrooper notarono il corpo del tecnico, allarmati, si diressero agli archivi, ma appena cercarono di entrare nella stanza principale furono affrontati da K-2SO che riuscì a respingerli, ormai però la sorpresa era sfumata e l'allarme era stato dato; K-2SO non poteva difendersi al meglio delle sue possibilità perché impegnato nella ricerca del file, però in qualche modo, nonostante fosse ripetutamente colpito riuscì a  contenere gli assalti delle truppe imperiali. 

Finalmente trovò il file, comunicò la posizione a Jyn e Andor e poi li chiuse nel caveau, bloccando le porte per dar loro il tempo di recuperare i piani; fatto ciò si preparò alla sua ultima battaglia.

Landscape-1478279613-rogue-one-star-wars-gillette-at-act-u-wing.jpg

All'esterno gli uomini della Rogue One, tenevano le posizioni, ma la pressione degli attaccanti aumentava di momento in momento nonostante le perdite subite, quando gli AT-ACT iniziarono ad avanzare le forze ribelli dovettero ripiegare verso la spiaggia, inseguiti dai soldati imperiali e dai camminatori, che causarono loro alcune perdite, tuttavia riuscirono a trincerarsi al limitare della spiaggia, consci del fatto che più a lungo avessero resistito più tempo avrebbero avuto Jyn, Andor e K-2SO per completare la loro parte, e loro questo tempo glielo avrebbero dato.

Si erano appena trincerati, che gli X-Wing penetrati dal portale sciamarono sulle loro teste colpendo gli AT-ACT con colpi finalmente efficaci, mentre il solitario U-Wing si posò sulla spiaggia sbarcando il suo carico di soldati.

Erano ancora in gioco ! 


Sovraccarico

" Per Jedha "

- Urlo di guerra di un marine Ribelle

Contrattaccarono, continuando ad impegnare le forze imperiali che sempre più numerose accorrevano; la battaglia si accese anche in cielo, quando numerosi Caccia TIE , che finora non erano intervenuti, ingaggiarono gli X- Wing. Il combattimento aereo si sviluppò in tempi rapidissimi in spazi ristrettissimi, rendendo vana ogni tecnica o tattica o regola di ingaggio avessero mai imparato; erano come cani rabbiosi in un recinto chiuso.

I piloti dell'Alleanza Ribelle, consapevoli di non poter per il momento ricevere rinforzi, cercavano di distruggere più mezzi imperiali possibile sia a terra sia in aria per dare alle truppe a terra la possibilità di combattere in condizioni più favorevoli, i piloti imperiali dovevano spazzare gli X- Wing dal cielo per permettere ai propri soldati di poter dispiegare tutta la potenza di fuoco di cui disponevano.

Bodhi Rook intanto stava cercando di comunicare con la flotta, invano;  mandò allora Chirrut e Baze alla centralina dell'interruttore principale delle comunicazioni, Chirrut crivellato dai colpi recitò un mantra, mentre Baze iniziò a

La distruzione della navetta dello Squadrone Rogue One.

sparare agli avversari. Chirrut riuscì ad avanzare fino  ad azionarlo , ma venne ucciso insieme a Baze quando  furono attaccati da un folto contingente di Death Troopers. Baze riuscì però ad uccidere tutto il reparto avversario. Rook riuscì così ad inviare un messaggio alla nave Ammiraglia della Flotta Ribelle, in cui spiegava che era esiziale la riapertura del portale altrimenti non sarebbe stato possibile inviare i piani della Morte Nera alla flotta. Pochi istanti dopo la trasmissione del messaggio, un detonatore termico venne lanciato all'interno della nave, uccidendolo e distruggendo la la nave stessa. 

Dopo aver ricevuto il messaggio di Rook e constatato che la lunga sequenza di attacchi al portale non aveva avuto alcun successo e che non era sperabile che l'avesse in futuro, Raddus decise di cambiare sistema.

Nella torre degli archivi, Erso e Andor erano riusciti a recuperare il file con i piani della Morte Nera , ora restava solo da trasmetterlo alla flotta, ma come? Non potevano  tornare indietro, l'unica speranza era raggiungere la sommità della torre ed utilizzare uno dei sistemi di trasmissione che vi si trovavano.

Orson Krennic era  furibondo, sapeva che devova ad ogni costo impedire che il file cadesse nelle mani dei ribelli, ne andava della sua vita. Accompagnato da due Death Trooper, riuscì ad aprire una porta di servizio ed entrare nel caveau, vide i due che si stavano arrampicando verso la sommità della torre ed aprì il fuoco, imitato dai due soldati. Erso continuò l'ascesa mentre  Andor si fermò per rispondere al fuoco e coprirle le spalle; si sviluppò uno scontro a fuoco, a tutto vantaggio della ragazza che continuò a salire. Andor uccise i due Death Trooper, ma fu a sua volta colpito da Krennic perdendo i sensi; Krennic, convinto di averlo se non ucciso almeno ferito gravemente si lanciò all'inseguimento  di Jyn.

Si apre il portale

" Colpisci quell'apertura "

- Jon Vander

Nello spazio sopra Scarif, le cose si stavano mettendo al peggio per la Flotta dell'Alleanza Ribelle, nugoli di Caccia TIE attaccavano senza tregua , gli scudi si stavano indebolendo, alcune navi erano duramente provate con danni estesi che ne compromettevano l'efficienza; in questa situazione, Jon Vander , capo Oro, ebbe il suo momento di gloria, attaccò con i suoi ultimi uomini, uno Star Destroyer Imperiale, numerosi siluri ionici colpirono la possente nave nella zona poppiera, distruggendole l'apparato propulsivo e rendendola incapace di governare.

Raddus, appena se ne accorse, capì di avere la  propria occasione, contattò una Corvetta di Classe Hammerhead,

Star-Destroyer-Rogue-One.jpg

la Lightmaker , comandata da Kado Oquone , spiegandogli il da farsi, evacuato l'equipaggio non essenziale, Oquone appoggiò la prua della sua nave contro la fiancata dello Star Destroyer incapace di governare e iniziò a spingerlo in rotta di collisione contro un altro Star Destroyer posizionato proprio sopra il portale. 

L'urto fu tremendo, le due navi, ridotte a dei rottami, cominciarono a precipitare verso il pianeta, nella loro caduta, centrarono il portale e lo distrussero. La via era aperta.


Messaggio partito

Jyn era arrivata sulla sommità della torre, aveva orientato l'antenna dell'apparato di trasmissione nella giusta direzione e stava per iniziare la trasmissione del file quando comparve Krennic che puntandole il Blaster alla testa le intimò di spostarsi dalla trasmittente, reso euforico dal successo, perse tempo per spiegare ad Erso perché l'Impero non potesse essere sconfitto e  ciò diede ad Andor, che nel frattempo si era ripreso,  di giungere sulla sommita della torre, dove resosi conto della situazione, non perse tempo e sparò. 

Jyn, inviò il messaggio.


Troppo tardi

" Lord Vader si occuperà della flotta.  Bersaglio la base di Scarif.  Reattore singolo, accensione.  Appena pronto, può aprire il fuoco. "

- Wilhuff Tarkin

Ricevuto il messaggio, Raddus sapeva che dovevano andarsene, avevano quello che volevano, rimanere anche se per pochi istanti significava esporsi a dei rischi incalcolabili, d'altro canto , stavano ancora combattendo laggiù, non si poteva lasciarli lì; improvvisamente la Morte Nera emerse dall'Iperspazio ed aprì il fuoco verso la base imperiale, polverizzandola, e con essa tutto ciò e tutti coloro che vi erano vicini nel raggio di chilometri.  

Devastator (1).png

Fu dato subito l'ordine di ritirata e tutte le navi superstiti si prepararono al salto nell'iperspazio, molte vi riuscirono, ma altre tra cui l'ammiraglia della Flotta dell'Alleanza Ribelle furono intercettate dalla Devastator , nave ammiraglia di Lord Vader che emerse dall'iperspazio proprio di fronte a loro, tanto repentinamente che almeno un trasporto vi si schiantò contro. La Devastator aprì subito il fuoco colpendo ed immobilizzando l'ammiraglia di Raddus che subito dopo venne

TantiveEscape.jpg

abbordata da una squadra d'assalto guidata da Lord Vader in persona, nel tentativo di riprendersi i piani della Morte Nera che Vader sapeva essere a bordo; mentre Vader si faceva largo tra le truppe Ribelli, Raddus consegno alla Principessa Leia Organa i piani della stazione da battaglia tramite i soldati.

La Principessa si imbarco sulla sua nave, la Tantive IV , al comando del capitano Raymus Antilles , riuscì a staccarsi dall'ammiraglia ed effettuò il salto nell'iperspazio, mettendo fine alla battaglia.

Dopo un'infruttuosa accurata ricerca, non avendo trovati i piani, Darth Vader si lanciò all'inseguimento.

Conseguenze

" Vostra Altezza, la trasmissione che abbiamo ricevuto. Cosa ci hanno mandato ? "

" Speranza "

- Capitano Raymus Antilles alla Principessa Leia Organa

Innanzi tutto sarebbe interessante capire chi ha vinto e chi ha perso, la questione  può essere posta da diversi punti di vista.

Tatticamente la Flotta Imperiale vinse la battaglia pur con perdite notevoli, è bene far notare che pur avendo subito perdite importanti, per l'Impero era molto più facile reintegrare i ranghi che non per l'Alleanza Ribelle, esaminando la vicenda dal punto di vista Imperiale, l'unica vera grande sciagura fu la perdita della base su Scarif, ma ancor di più la perdita degli archivi, bisogna notare che la quantità e potenza di fuoco della Flotta Imperiale, nonché la qualità dei mezzi dispiegati è impressionante.  

Strategicamente la vittoria è dell'Alleanza Ribelle, la quale aveva come obiettivo l'acquisizione dei piani costruttivi della Morte Nera e li ha ottenuti pur a caro prezzo.  Altra cosa importante da notare è il diverso atteggiamento dei soldati dei due schieramenti, da una parte, l'Impero, altissimo addestramento, armamenti adeguati sia in qualità che in quantità, ma cieca obbedienza agli ordini e nessuna iniziativa personale ( finchè  eseguo letteralmente gli ordini, anche se tutto va male, nessuno può addossarmene la responsabilità ). dall'altra l'Alleanza Ribelle, buon addestramento, alte motivazioni ideali, armamento leggero ma adeguato. ma soprattutto la capacità di prendere decisioni autonome anche in contrasto con gli ordini ricevuti.

Le conseguenze furono essenzialmente due, una di ordine prettamente morale, la dimostrazione che la Flotta Ribelle poteva affrontare la Flotta Imperiale in uno scontro diretto, la seconda conseguenza ben più importante ai fini delle vicende belliche fu la Battaglia di  Yavin IV in cui grazie ai piani acquisiti a Scarif, le forze ribelli distrussero la Morte Nera arrecando un colpo durissimo all'Impero, minandone la sicurezza e la fama di invincibilità.

Dietro le quinte

> L'evento, che è l'episodio centrale del film Rogue One:A Star Wars Story , è stato descritto in varie occasioni, nella leggenda d'apertura del IV episodio ad esempio, in Star Wars Legends, l'evento viene identificato come Battaglia di Toprawa , e tutto il complesso dell'operazione come Operation Skyhook .

> Il primo filmato della Battaglia è apparso nel Trailer del film il 7 Aprile 2016, mentre il 6 Dicembre 2016, apparve come livello gratuitamente scaricabile, per gli abbonati, in Star Wars Battlefront , con la proiezione nelle sale cinematografiche del film: Rogue One:A Star Wars Story il 16 Dicembre 2016 la battaglia ha fatto la sua prima apparizione ufficiale. 



                                                                                 

Advertisement