Jawapedia
Advertisement
Jawapedia
11 956
pagine
Wiki.png Questo articolo è un abbozzo. Ampliandolo aiuterai la Javapedia.

Il soggetto di questo articolo fa parte del brand "Legends". Il soggetto di questo articolo appare nella Era dell'Ascesa dell'Impero.

Cody.jpg
CC-2224
Informazioni biografiche
Pianeta madre

Kamino

Descrizione fisica
Specie

Umano (clone)

Sesso

Maschio

Altezza

1,83 m

Colore dei capelli

Neri

Colore degli occhi

Marroni

Informazioni cronologiche e politiche
Era/e

Era dell'Ascesa dell'Impero

Affiliazione/i


Comandante Cody: "Vi ho mai dato motivo di lamentarvi?"
Obi-Wan Kenobi: "Beh... Cato Neimoidia, per cominciare..."
―Cody e Obi-Wan Kenobi[src]

CC-2224, meglio conosciuto come "Cody", era un clone soldato comandante che combatté durante le Guerre dei Cloni. Servì inizialmente sotto il Generale Obi-Wan Kenobi, avendo il comando del 212esimo Battaglione d'Attacco e delle sue unità. Prese parte a molte battaglie, finché durante il conflitto su Utapau per catturare il Generale Grievous fu impartito l'Ordine 66 che lo obbligò ad uccidere Kenobi senza alcuna pietà.

Successivamente prestò servizio nel Corpo degli Stormtrooper dell'Impero Galattico.

Biografia

Prese il suo soprannome dopo che i Kaminoani lo selezionarono per l'addestramento speciale da comandante. Cody era uno dei tanti cloni del Grand'Esercito della Repubblica e, come molti altri ufficiali dell'armata, era stato incaricato di seguire un Generale Jedi, Obi-Wan Kenobi, con cui lentamente sviluppò rapporti d'amicizia sempre migliori, e che lo raccomandò per una promozione. I due vissero insieme molte avventure rischiose.

Guerre dei cloni

Creazione e prima carriera

Come tutte gli altri cloni Cody fu creato e venne addestrato su Kamino per servire nell'esercito della Repubblica Galattica. Sin dall'inizio Cody fu subordinato a Obi-Wan Kenobi sviluppando una grande fiducia nel proprio generale: fiducia che venne ricambiata da Obi-Wan. A CC-2224 venne affidato il comando del 212 battaglione d'attacco. Cody non ha preso parte alla prima battaglia di Geonosis ma fu coinvolto nell'incidente di Tibrin.

Battaglia di Christophsis

Cody combatté nella battaglia di Christophsis al fianco del generale Obi-Wan Kenobi e del generale Anakin Skywalker. La battaglia di Christophsis fu un enorme invasione Separatista sul pianeta Christophsis. Durante la battaglia un traditore fra i ranghi dei cloni (un clone sergente di Slick) fu scoperto da Cody e dal capitano Rex. Successivamente Cody attaccò insieme ad Obi-Wan e ad Anakin riuscendo a sconfiggere la prima ondata di droidi comandanti dal generale Whorm Loathsom. La seconda ondata di droidi riattaccò protetta da un enorme scudo deflettore e Cody e il suo battaglione furono costretti alla ritirata. Lo scudo fu distrutto da Anakin e dalla sua Padawan Ahsoka Tano. Il generale Loathsom fu preso in ostaggio da Obi-Wan Kenobi e la battaglia fu vinta dalla Repubblica.


Battaglia di Utapau

Sul pianeta Utapau, Obi Wan e Cody attaccarono le forze separatiste capeggiate dal generale Grievous. Mentre Cody guidava le sue truppe attraverso le intricate città sotterranee del pianeta, Obi Wan lottò contro Grievous e lo sconfisse dopo uno spietato duello. Cody recuperò la spada laser di Obi-Wan quando gli cadde durante l'inseguimento di Grievous e la conservò durante la battaglia, fino a quando gliela riconsegnò.

Ordine 66

Il comandante Cody mentre riceve l'ordine 66

Nel frattempo Darth Sidious diede l'Ordine 66 e i clone trooper iniziarono a ribellarsi contro i loro generali Jedi: anche Cody si trovò costretto ad ubbidire e ordinò senza esitazione a un suo sottoposto, che era al cannone di un AT-TE di colpire Kenobi, il quale cadde in un lago sottostante con il suo boga, anche se il jedi riuscí a riprendersi e a scappare con la nave del defunto generale Grievous.

Impero Galattico

Il Comandante Cody continuò a prestare servizio nel Corpo degli Stormtrooper dell'Impero Galattico.

Rimase uno dei pochi cloni originali, mentre quelli presenti nel Corpo degli Stormtrooper venivano considerati "senza carisma e senza nessun senso di rispetto" come menzionò lo stesso comandante.

Advertisement