Jawapedia
Advertisement
Jawapedia
12 307
pagine


La Forma V, conosiuta anche come Shien o Djem So, è detta Forma della Perseveranza ed è la quinta delle sette forme principali per il combattimento con la spada laser. Questa forma è stata sviluppata qualche tempo prima della Grande Guerra Sith dai praticanti della Forma III che la mentalità difensiva della forma prolungasse troppo il combattimento, perchè i suoi utilizzatori preferivano aspettare un'opportunità per colpire, piuttosto che crearsi un varco nella difesa nemica. Il combattimento con questa forma è caratterizzato da attacchi potenti e difesa seguita da contrattacco.

Lo Shien è più abile nel bloccare i colpi di blaster che nel combattimento lama contro lama, mentre il Djem So fu sviluppato più tardi, destinato all'uso nel combattimento con la spada. Entrambe le varianti sono state progettate per usare l'attacco di un avversario contro di lui.

La Forma V continuò ad essere usata per millenni dopo la Grande Guerra Sith e sopravvisse alla Grande Purga Jedi iniziata nel 19 BBY. I praticanti più noti della Forma V erano: i Maestri Jedi Aayla Secura, Adi Gallia, Plo Koon e Luke Skywalker, i Cavalieri Jedi Anakin Skywalker e Ulic Qel-Droma e il Signore Oscuro dei Sith Darth Bane.

Descrizione[]

La Forma V fu creata dai maestri della Forma III che desideravano uno stile più offensivo, poiché la natura difensiva della Forma III spesso portava a combattimenti prolungati, potenzialmente pericolosi per i suoi praticanti. La Forma V si è evoluta, combinando le manovre difensive della Forma III con la filosofia e le tattiche più aggressive della Forma II. La Forma V richiedeva un livello di forza fisica più elevato rispetto alle altre forme di spada laser, poiché si concentrava sul dominio completo degli avversari dei suoi praticanti. Era considerata laforma più impegnativa dal punto di vista fisico tra tutte le forme.

Shien[]

I Jedi della Vecchia Repubblica che svilupparono e impiegarono la classica variante Shien della Forma V la soprannominarono Forma della Perseveranza. Shien è descritto come adatto per protergersi dai blaster e dagli attacchi nemici, potendo lanciare potenti contrattacchi. Lo stile era più efficace contro gli attacchi di più avversari e meno contri attacchi di uno solo. Lo Shien, creato poco prima della guerra, si basava sull'inferiorità numerica dei Jedi rispetto agli avversari.

AhsokaTano

Ahsoka Tano utilizza l'impugnatura inversa.

La posizione di apertura dello Shiene è una posizione di guardia alta, con l'elsa tenuta con due mani sopra la testa dell'utilizzatore e la lama inclinata verso l'alto e dietro di esso. La gamba dominante è tenuta indietro rispetto al corpo, ciò consetiva all'utilizzatore di effettuare potenti colpi in avanti. Gli utilizzatori di questa forma sono abili in due parate chiamate "Barriera di lame" e "Deflessione Shien", la prima consente all'utilizzatore di difendersi da colpi di blaster e di rispedirli al mittente, mentre la seconda consente di deviare colpi di blaster mentre si esegue un salto verso l'avversario.

Alcuni utenti utilizzavano l'impugnatura inversa, tenendo esposta la parte anteriore dell'elsa. Questa presa permetteva all'utilizzatore di eseguire colpi lunghi e ampi per abbattere diversi nemici alla volta, lanciando la lama in avanti con il movimento di sferrare un pugno.

Djem So[]

Il Djem So fu la creazione di alcuni maestri della Forma III che ritenevano che il Soresu fosse una forma troppo passiva. Utilizzando una combinazione di parate, un utilizzatore di Djem So mantiene una base di difesa adeguata sia contro gli attacchi a distanza che in mischia. Mentre un utilizzatore di Soresu rimane sulla difensiva e contrattacca solo quando necessario, uno di Djem So, dopo essersi difeso dal colpo avversario, esegue il proprio attacco utilizzando la forza del colpo avversario a proprio vantaggio. Djem So si concentra principalmente sulla forza bruta e sulla potenza pura, con attacchi e parate ampi e potenti seguiti immediatamente da un contrattacco.

AnakinvsDooku

Anakin Skywalker usa il Djem So contro Dooku.

Djem So, a differenza di Soresu o Ataru, richiede all'utilizzatore non solo di contrattacare, ma anche di spingere il proprio colpo. Un utilizzatore di Djem So, forte e immerso nella Forza, è in grado di sconfiggere facilmente un utilizzatore di Makashi.

La posizione di attacco del Djem So è la stessa di Shien, mentre il suo attacco caratteristico è un potente colpo dall'alto che si abbatteva sull'avversario con notevole forza. Gli utenti di Djem So utilizzavano una tattica, chiamata "Risposta Fluida", che consiste nel passaggio graduale da una parata al contrattacco. A differenza dello Shien, il Djem So è noto per avere mancanza di mobilità.

Applicazioni[]

I Jedi di grandi dimensioni spesso sceglievano di utilizzare la Forma V perchè richiedeva meno agilità rispetto alle altre e sfuttava al meglio la loro forza naturale. Per questo motivo, il maestro Sith Kas'im consigliò al proprio apprendista Bane di imparare il Djem So. Anakin Skywalker, in seguitò, commentò che tutti i Jedi possono utilizzare la Forza per aumentare la propria forza fisica. Lui, come padawan, utilizzò Shien contro il Conte Dooku su Geonosis. Le sue abilità gli consentirono di tenergli testa, tuttavia venne sconfitto e superato dalle abilità di Dooku nel Makashi. Le Guerre dei Cloni affinarono le abilità di Skywalker e durante il duello con Dooku sulla Invisible Hand, Skywalker ingannò Dooku con mosse e acrobazie Shien e Ataru, ma sopo tornò al Djem So. Usando questa forma Skywalker disarmò e uccise il Sith.

Dopo essere passato al Lato Oscuro nel 19 BBY, Darth Vader duellò e venne quasi ucciso dal suo vecchio maestro Obi-Wan Kenobi, su Mustafar. Successivamente Vader continuò ad utilizzare il Djem So, tuttavia, a causa della sua armatura di supporto vitale, fu costretto ad integrare nel suo djem So anche Juyo, Ataru, Soresu e Makashi. Vader riutilizzò il Djem So nel duello sulla Morte Nera, nello 0 BBY, contro Obi-Wan Kenobi. Le tecniche utilizzate da lui contro Obi-Wan furono riprese dal figlio di Vader, Luke Skywalker.

Su Bespin, Luke Skywalker riuscì a tenere testa a Vader nonostante il suo addestramento minimo, ma alla fine venne sconfitto e perse una mano. Successivamente studiò a lungo le abilità con la spada laser che trovò in un diario di Obi-Wan e migliorò le sue abilità. A bordo della Seconda Morte Nera, Luke fu in grado di sconfiggere Vader rispecchiando la sua Forma V.

A volte, altre armi venivano brandite dai praticanti della Forma V. Ad esempio, Darth Bane usava una spada laser dall'elsa ricurva, associata maggiormente alla forma II.

Advertisement