Jawapedia
Advertisement
Jawapedia
11 729
pagine

Jocasta Nu SWE.png

" Gli archivi. La biblioteca. La prima sala- la storia della Repubblica, cronache dei Jedi che si ripetono nel corso di migliaia di anni. La loro protettrice-Maestra Jocasta Nu . "

Sha Konn

Jocasta Nu era una femmina umana ed era il Capo Bibliotecario degli Archivi Jedi durante il periodo finale della Repubblica Galattica . Aveva molta sicurezza di tutto ciò che si trovava negli Archivi , e non reputava esistente qualcosa che non fosse lì presente . I suoi abiti ricordavano lo stile Ansata , per rappresentare la sua devozione alla conoscenza ed all'apprendimento.

Durante la sua vita , Jocasta Nu fece anche parte del Consiglio Jedi , ed addestrò molti Padawan , tra cui ancheJerec , che dopo l'Ordine 66 divenne un seguace dell'Imperatore Palpatine . Si pensava che Nu fosse tra le prie vittime dell'Operazione:Knightfall , quando Anakin Skywalker - ormai corrotto -  guidò le truppe della 501°Legione per distruggere il Tempio Jedi . In realtà la Jedi si salvò, e Palpatine voleva catturare quella da lui chiamata "strega" viva, per ottenere i segreti del Tempio Jedi. 

Biografia

"C'è più conoscenza qui che in qualsiasi altra parte della galassia. "

Jocasta Nu vanta gli Archivi Jedi

Jocasta Nu con Kai Justiss.

Portata nell'Ordine Jedi durante gli ultimi decenni della Repubblica Galattica , Jocasta Nu è stata probabilmente scoperta da unreclutatore Jedi , che notando nell'infante la Sensibilità alla Forza , la portò su Coruscant al Tempio Jedi . Crebbe con altri iniziati , superò le prove dell'Accademia Jedi con successo , e fu selezionata da un Maestro per la formazione come Padawan . Superò anche le Prove Jedi , proseguì il suo percorso come Console  , e divenne una ricercatrice specializzata nel campo dell'archeologia . Secondo quanto deciso dal Consiglio in seguito alla sua richiesta , la giovane Jocasta Nu iniziò ad esplorare la galassia, alla ricerca di dati per gli Archivi Jedi . Durante uno dei suoi viaggi , Jocasta trovò un bambino Miraluka Sensibile alla Forza , Jerec , e lo portò ad addestrarsi , come lei anni prima , all'Accademia. Quando Jerec terminò il suo percorso lei divenne la sua Maestra. Jerec desiderava sapere tutto ciò che era di rilievo nella galassia , o che lo era stato , e fu anche grazie a queste conoscenze che divenne un Cavaliere Jedi . Per aver completato l'addestramento del suo Padawan con successo , divenne Maestra Jedi e cominciò a svolgere le mansioni come archivista  . Alla fine divenne Capo Bibliotecario dell'Archivio Jedi e divenne parte dell'Assemblea dei Bibliotecari . Come membra del Corpo Educativo Jedi , riferiva tutto ciò che accadeva le questioni riguardanti questo ramo al Consiglio di Riassegnazione .

Jocasta Nu anziana . Da giovane fece parte del Consiglio Jedi.

Pur restando Capo Bibliotecario , Jocasta Nu fu nominata al Consiglio Jedi . Vi restò per dieci anni , a partire da 42 BBY fino a 52 BBY , ma rinunciò alla sua posizione , nell'Alto Consiglio Jedi , per tornare a fare il Capo Bibliotecario e curare gli Archivi di cui era tanto fiera personalmente . Rinunciò ai tradizionali abiti Jedi , in favore di abiti di stile Ansata   , un abbigliamento usato dagli storici Jedi più famosi , tra cui l'antico Maestro Atris . Nel 52 BBY , appena uscita dal Consiglio , intraprese una missione diplomatica sul pianeta Serenno con i Maestri Jedi Dooku , Qui - Gon Jinn e Sifo-Dyas . Nel corso della riunione incontrarono il Magister della Damask Holdings Hego Damask , che a loro insaputa era Darth Plagueis , il Signore dei Sith maestro di Darth Sidious . Jocasta Nu non poteva sapere che quello era un Signore dei Sith , e che un giorno  il suo apprendista Darth Sidious , sarebbe tornato diventando Cancelliere della Repubblica Galattica e che avrebbe ordinato la distruzione dell'Ordine Jedi . La missione andò come previsto , e Jocasta Nu tornò al Tempio. Qualche tempo dopo la Guerra Iperspaziale Stark , circa in 44 BBY , prese il suo ultimo Padawan , Jin-Lo Rayce e gli insengò tutti i passaggi  .Nel 39 BBY , il Maestro Jedi Qui-Gon Jinn e il suo Padawan Obi-Wan Kenobi sono stati inviati in missione su Vorzyd IV . Jocasta  Nu fornì ai due Jedi personalmente , con fiducia nelle sue conoscenze ,   le informazioni necessarie per completare il loro incarico , e tuttò andò al meglio , cosa che la rese orgogliosa e sempre più fedele a ciò che aveva raccolto negli Archivi.  In 32 BBY , poco dopo l'Invasione di Naboo il Maestro Jedi Dooku lasciò l'Ordine , e Jocasta Nu pianse molto il suo abbandono , per via del suo grande idealismo . Questi furono anche i suoi ultimi anni come raccoglitrice della conoscenza galattica viaggiando di pianeta in pianeta. 

Jocasta Nu dice ad Obi-Wan Kenobi che Kamino non può esistere .

Nel corso del tempo diventò sempre più orgogliosa della conoscenza da lei raccolta , memorizzata negli Archivi di cui era custode . Sosteneva che se qualcosa non era presente negli Archivi , di certo non poteva esistere , ma venne smentita in 22 BBY . Obi-Wan Kenobi cercava il pianeta Kamino negliArchivi Jedi , ma non lo trovò e disse che gli Archivi erano incompleti . Seccata , la bibliotecaria gli disse che se qualcosa non era presente negli Archivi allora non poteva esistere , lasciò Obi-Wan Kenobi da solo , per assistere un Padawan appena arrivato alla ricerca di qualcosa. Quando scoprì che Kamino esisteva , e che i file erano stati cancellati dagli Archivi , Jocasta Nu sentì la sua integrità venir meno , dato che gli Archivi erano stati messi in discussione ,  e provò molto imbarazzo . Le provocò anche molto dolore scoprire che Dooku era diventato Signore dei Sith e capo della Confederazione dei Sistemi Indipendenti (CSI) .  

Guerre dei Cloni

Jocasta Nu con Ahsoka Tano.

Con lo scoppio delle Guerre dei Cloni in 22 BBY , l'Alto Consiglio era preoccupato dal fatto che gli Archivi non fossero abbastanza protetti . Quando la Padawan  Ahsoka Tano non ubbidì agli ordini durante la Prima Battaglia di Felucia , il Consiglio come Guardia di Sicurezza negli Archivi. Jocasta Nu entrò in confidenza con la Padawan Togruta , pur venendo trattata con reverenziale rispetto dalla giovane , e la fece familiarizzare con gli Archivi , mettendola a sorvegliare  le Volte degli Holocron . Ahsoka non sapeva che presto sarebbe stata messa alla prova : il Cacciatore di Taglie Cad Bane inviò Cato Parasitti , una Cacciatrice di Taglie mutaforma Clawdite , al Tempio Jedi per coprirlo nella sua missione . Lo scopo di Bane era rubare un Holocron . Parasitti assunse la forma di Ord Enisence , un Maestro Jedi recentemente scomparso . In realtà Enisence era stato assassinato da Bane stesso, ma la cosa non era nota agli Jedi . Parasitti entrò con l'aspetto di Enisence e Jocasta Nu notò il comportamento di Enisence insolito e brusco ,  insospettita , si recò dallo Skrilling per chiedergli se avesse bisogno di aiuto ; per tutta risposta questo le diede un pugno in faccia , mettendola al tappeto. Parasitti lasciò la forma di Enisence ,  assunse la forma di Jocasta Nu e le rubò la Spada Laser . Parasitti riuscì ad eludere il sistema di sicurezza del tempio ed a far entrare Bane senza troppi problemi . Ahsoka si accorse però che Jocasta Nu non era Jocasta Nu , ma un'impostore , e la sfidò a duello . Dopo aver sconfitto la Cacciatrice di Taglie che aveva preso l'aspetto dell'anziana Jedi , ma Bane aveva già recuperato l'Holocron di cui necessitava. Parasitti venne arrestata , mentre la vera Jocasta Nu si riprese e tornò alle sue mansioni . 

Jocasta Nu fa conoscere Tera Sinube ad Ahsoka Tano.

A seguito di questo incidente , Ahsoka Tano venne inviata in missione nei bassifondi di Coruscant insieme al suo maestro , Anakin Skywalker . Qui un Patrolian le rubò la Spada Laser , Ahsoka riuscì a vederlo in faccia , ma il ladruncolo si disperse velocemente tra la folla . Ahsoka non disse nulla al suo Maestro , ma chiese aiuto a Jocasta Nu , che le presentò il Maestro Tera Sinube , un anziano Cosian , il quale conosceva bene la criminalità organizzata di Coruscant . Sinube dormiva quando venne raggiunto dalle due , che lo svegliarono ,  identificò il ladro per Ahsoka, il suo nome era Bannamu . Insieme a Sinube , Ahsoka riuscì a recuperare la sua Spada Laser , senza che il suo Maestro ne venisse a conoscenza . 

Quando il Maestro Jedi Plo Koon scoprì una nave abbandonata sulla luna desertica di Oba Diah , con una Spada Laser , che permise di identificarla  come nave dell'ex membro del Consiglio Jedi Sifo-Dyas , il Consiglio chiese a Jocasta Nu di venir informato sui fatti che circondavano la scomparsa dello Jedi . La bibliotecaria fu in grado di dir loro che la sua ultima missione era avvenuta su Felucia , nel tentativo di negoziare la pace tra due tribù , e che quella era la sua ultima missione ufficiale. Plo Koon domandò lo stato del corpo di Sifo-Dyas, ma Jocasta Nu lo informò che le informazioni erano state rese inacessibili . Quando Mace Windu le chiese chi aveva posto il segreto sulle informazioni , Jocasta Nu gli disse che era stato un ordine dello stesso Cancelliere Sheev Palpatine . Windu la ringraziò e le chiese se era possibile comunicare queste informazioni al Consiglio , Jocasta Nu gli disse che non c'era alcun vincolo , e lui ne discusse col Consiglio Jedi.

Vicino alla fine delle Guerre dei Cloni , Jocasta Nu spiegò a tre Iniziati Jedi , Caleb Dume , Sammo Quid e Tai Uzuma  , che avevano superato le loro prove iniziali come i Cavalieri Jedi sceglievano i Padawan . Dume si interrogò su come mai fosse stato posto questo metodo per scegliere i Padawan e se qualcuno l'avesse mai messo in discussione . Jocasta Nu gli disse che era lui che stava mettendo in discussione l'Ordine Jedi , ma Dume  le rispose protestando che voleva semplicemente sapere come quel metodo si fosse sviluppato .  

Ordine 66

  • "Voglio l'accesso al faro segnale del Tempio ." 
  • " Con quale autorità?"


Eras-legends.png
QUESTA PARTE È VALIDA SOLO PER LEGENDS

Darth Vader a Jocasta Nu

Anakin Skywalker , divenuto Darth Vader , uccide Jocasta Nu.

Jocasta Nu rimase al Tempio Jedi , su Coruscant , durante tutta la durata delle Guerre dei Cloni . Al termine della guerra , in 19 BBY ,continuò a lavorare , ma poche ore dopo l' Operazione:Knightfall fu avviata .  Poco prima aveva espresso dubbi sulla completezza dei suoi archivi a Sha Koon . Poco dopo , chiamò il suo ex-Padawan Jin - Lo Rayce , consegnandoli diversi datachip contenenti file scaricati dagli Archivi , e gli disse di abbandonare il Tempio seguendo le strade nascoste che lei gli aveva insegnato . Rimase in disparte , attendendo Darth Vader che raggiunse gli Archivi con dei Cloni Assassini . Vader le chiese l'accesso alla parte di tempio bloccata , ma lei gliela negò . Vader sollevò con la Forza gli altri Jedi presenti nella stanza , poi impalò Jocasta Nu . Ironicamente , Jocasta Nu aveva elogiato Anakin Skywalker era un eroe , durante una conversazione con Sha Koon . Mentre il Signore dei Sith saccheggiava gli archivi , gli altri Jedi fedeli a Jocasta , iniziarono a distruggere tutto , per impedire che il sapere Jedi finisse nelle mani dei Sith . Al termine dei combattimenti , il corpo di Jocasta Nu venne rinvenuto dal Gran Maestro Yoda e dal Maestro Obi-Wan Kenobi mentre si facevano strada tra le rovine del Tempio . Il suo corpo venne infine raccolto , ed il suo nome venne controllato per assicurarsi che fosse tra gli Jedi già uccisi , poi venne trascinato sulle scale dell'ingresso del Tempio e gettato sulla pira improvvisata con gli altri cadaveri . 

In un rapporto scritto da Sate Pestage , volto ai cittadini dell'Impero Galattico  , per divulgare loro che gli Jedi erano criminali , Jocasta Nu fu accusata di aver nascosto informazioni che avevano minacciato l'Impero ed i suoi cittadini , motivo per il quale era stata assassinata . 

La Jedi Superstite 

"A chiunque veda questo messaggio...tocca a voi adesso. Non lasciate che le nostre morti siano state vane."

Canon.png

Jocasta Nu registra questo messaggio in diversi Holocron

Jocasta Nu in realtà scampò alla morte e si salvò alle ferite superficiali riportate, e si ritirò su un pianeta segreto, dove col suo aiutate, Gar , costruì una piccola biblioteca Jedi, con ciò che aveva tratto in salvo dall'archivio. 

Jocasta Nu beve del tè su un pianeta sconosciuto.

Jocasta sperava di riportare ciò che era negli archivi di Coruscant sul suo pianeta segreto, e decise di andare su Coruscant per cercare l'Holocron con la lista dei bambini Sensibili alla Forza . Sperava di trovarli nella galassia, portarli nella scuola Jedi da le ricostruita, crescerli e riformare ilLato Chiaro della Forza. Sapeva che non sarebbe vissuta per sempre. ma confidava nel suo assistente Gar e in alcuni Droidi archivisti, ancora presenti su Coruscant . Doveva andare lì, nel cuore del centro Imperiale, doveva combattere sotto gli occhi di Palpatine e prendere ciò che le serviva, anche se sperava di riuscire a confondersi ed a svignarsela grazie alla Forza . Jocasta Nu era in una lista nera tra i possibili Jedi sopravvissuti. Palpatine diede questa lista all'Inquisitorio , guidato dal Grande Inquisitore , un ex Jedi Pau'an che rimase così sconvolto dal tradimento di Barriss Offee nei confronti di Ahsoka Tano da decidere di votarsi al Lato Oscuro . Jocasta Nu conosceva bene il Grande Inquisitore, che mentre parlava di lei con Darth Vader raccontò al Signore dei Sith che secondo lui faceva preferenze:

"Ho sempre odiato Jocasta Nu, sai? Mi guardava dall'alto in basso. Lo capivo. Non mi ha dato mai pieno accesso agli archivi, e mi è sempre stata attorno quando leggevo un qualche datafile. Ci divideva in categorie nella sua testa, si vedeva. I pochi che erano degni di conoscere i profondi misteri della Forza, e .... gli altri.[...] Non vedo l'ora di ucciderla...e poi...leggerò ogni cosa contenuta qui dentro."



Gar aveva cercato di mettere in guardia Jocasta sui rischi che correva andando su Coruscant, inoltre non sapeva nemmeno che voleva recuperare l'Holocron con la lista dei bambini Sensibili alla Forza. Quando la Jedi recuperò la sua Spada Laser, ebbe una piccola discussione con Gar:

  • "Jocasta...non ti serve più quella. Il tuo lavoro qui è finito. Possiamo andare ovunque, fare qualunque cosa. Essere quello che vogliamo. L'Archivio non ha più bisogno di te ormai, sarà pronto per la prossima generazione di Jedi.Quando appariranno nella galassia."
  • "Oh, amico mio, non vedi? Non ho costruito un archivio qui.Ho costruito una scuola. Devo andare ora. C'è una cosa molto importante che devo prendere. Sarà estremamente difficile da recuperare...ma lasciarla dov'è è ancora più pericoloso. Se la Forza vorrà, tornerò...e poi le cose potranno davvero cominciare."
  • "Non capisco Jocasta. Cosa ci può essere di così importante da valere il rischio?"
  • "Te l'ho detto, questa è una scuola. E una scuola ha bisogno di studenti."

Jocasta Nu, presa la Spada Laser , prese il suo Caccia Jedi ed il suo Droide Astromeccanico , partendo alla volta di Coruscant. 

Arrivo a Coruscant

Arrivata a Coruscant Jocasta Nu rimase delusa dal vedere come era ridotto il Tempio Jedi, dopo aver usato un trucco mentale sui Cloni ed  essere riuscita ad accedervi. Il suo Droide,B2 , fu costretto a far saltare per aria il Caccia e sé stesso, uccidendo le forze di sicurezza, per impedire che scoprissero Jocasta Nu, ma l'esplosione attirò comunque l'interesse dell'Impero. Jocasta doveva trovare un altro modo per fuggire da Coruscant, ma prima doveva recuperare l'Holocron. Improvvisamente passando per le biblioteche percepì il Grande Inquisitore. Jocasta pensò che fosse meglio completare la missione e fare finta di niente. Spostando alcuni libri, la Jedi aprì un passaggio segreto ed incontrò il Droide Cator , che le disse che le cose erano rimaste esattamente come le aveva lasciate. Jocasta ne fu felice, me gli comunicò che ora erano i Sith a dominare la galassia, e che sarebbero servite generazioni affinché gli Jedi potessero alla fi

Jocasta Nu punta la sua Spada Laser contro il Grande Inquisitore

ne deporli. Preso l'Holocron con la lista, Jocasta salutò il Droide,e ripassò per le biblioteche, ripercepì il Grande Inquisitore e dalle balconate si mise ad osservarlo. Il Pau'an gettava i libri dietro di sé, in modo disordinato mentre leggeva seduto e quando Jocasta lo sentì dire a voce alta "Idiozie", non si diede freno. Saltò dal poggiolo sul tavolo con la spada laser rivolta contro di lui, dicendo decisa:

"Togli quelle sporche mani dai miei libri."

L'Inquisitore rimase sorpreso, ma poi quando Jocasta gli chiese chi fosse, lui le rispose con un'altra domanda, chiedendole se non lo riconoscesse. Quando Jocasta capì che un tempo era uno Jedi, lo scambiò per un Sith. L'Inquisitore costretto a stare chinato con le mani in alto, le disse che non era un Sith, ma quasi, poi prese slancio, estraendo la sua Spada Laser ed iniziò a combattere contro Jocasta.  I due discussero mentre duellavano, ma Jocasta disse al Grande Inquisitore che se non gli aveva fatto leggere dei libri in passato, non l'aveva fatto per intolleranza o algidità, ma solo perché riteneva che non fosse pronto. Disse che aveva negato tantissime richieste, essendo Maestra Archivista, che quello era il suo compito e che continuava ad esserlo. Per tutta risposta l'Inquisitore le disse che l'Ordine che serviva era stato spazzato via, e non poteva negargli l'accesso ai libri. Il Grande Inquisitore la sconfisse, quindi stava per ucciderla. Jocasta Nu chiuse gli occhi, e mentre diceva le sue ultime preghiere rivolte alla Forza si accorse che la morte non arrivava. Improvvisamente sentì un rumore, una Spada Laser che fermava quella del Grande Inquisitore, mentre una voce metallica, oscura e severa si limitò a dire una sola parola "NO." In quel momento aprì gli occhi. Vide un essere imponente in armatura, no forse una macchina, litigare con Il Grande Inquisitore, fermare la sua Spada, ma anche la sua era rossa: doveva essere o un Sith o un altro Inquisitore.Usò la Forza per far precipitare dei libri sopra i due contendenti, stordendo Il Grande Inquisitore, ma non l'altro. Intanto corse ai piani superiori, Jocasta Nu capì con la Forza che quello era un Sith e rivolse delle parole all'uomo-macchina:

  • "Maestra Nu, non puoi andare da nessuna parte.  Non ti farò del male. Arrenditi."
  • "Sento il Lato Oscuro sgorgare fuori da te. Brucia come un metallo fuso che cola sulla mia stessa anima. Sei stato tu vero? Hai distrutto l'Ordine...o hai avuto un ruolo importante nella sua fine. Sei un vero Sith. So perché mi vuoi viva, Vuoi i miei segreti e i segreti dell'Archivio.Ê troppo vasto per essere consultato senza assistenza , dopo tutto. Nessuno lo conosce meglio di me. Con il mio aiuto potresti saccheggiare ogni briciola della sua conoscenza. A ciò Sith rispondo con una sola parola. MAI. "

Jocasta attivò il computer che gestiva l'archivio

  • "Codici di autorizzazione accettati. Attivazione sequenza di eliminazione." " Sequenza completata tutti i dati sono stati cancellati."
  • "Che la Forza mi perdoni."


La macchina iniziò ad inseguirla fino ad arrivare di fronte a Cator, che riconobbe in quell'essere...Anakin Skywalker! Il Sith non riuscì ad eliminarlo con la Spada Laser, ma dopo una breve lotta lo distrusse. Jocasta era messa con le spalle al muro, ma aveva recuperato un'arma, un blaster pesante. Sparò, ma Skywalker, o ciò che era diventato, parò il colpo. Venne però deviato verso l'ultima zona rimasta dell'archivio, distruggendolo. Anche se quello che lei non sapeva si chiamasse Darth Vader le diceva di abbassare l'arma e di non volerla morta, lei si disse scettica, e gli sparò. Gli disse che sapeva che il Droide guardiano Cator l'aveva identificato come Anakin Skywalker, secondo lei non era nulla se non che poco più di un Droide, un tempo grande speranza nella Forza per gli Jedi, ma era stato corrotto da Palpatine. Ora voleva distruggere il Lato Chiaro della Forza, ma questa è eterna, e finché ci sarà vita ci sarà la Forza e di conseguenza il Lato Chiaro. Continuava a sparare, ma l'arma , surriscaldata, consumò l'ultimo colpo in canna che si fuse, mentre Vader continuava a dirle di volerla viva, Jocasta lanciò l'arma contro di lui, perché era così surriscaldata che stava per esplodere, ma lui la respinse, lanciandola contro di lei. L'esplosione fece un buco in una delle pareti del Tempio Jedi, e Jocasta fuggì da quello, recuperò una Spada Laser dalla lama verde, ma gli uomini di Fox attendevano in un'area non molto distante, ed  aprirono il fuoco su di lei. Saltò e si avventò su di loro, eliminandoli con la Spada Laser, parando i colpi, poi gettò gli altri giù con la Forza. 

Vader si affacciò al buco, ma lo scambiarono per uno Jedi ed aprirono il fuoco. Fox da un Trasporto di Pattuglia lo identificò, ma era troppo tardi. Il Signore dei Sith gli chiese come mai non avesse fornito la sua descrizione alle truppe, Fox cercò di giustificarsi, ma Vader gli spezzò l'osso del collo. Jocasta nel frattempo venne sconfitta dai Cloni, che stavano per catturarla, ma decise di suicidarsi, e si gettò nel vuoto di Coruscant. Diede le sue ultime preghiere alla Forza, quando si accorse di essere sospesa  e di essere viva. Aprì gli occhi, scoprendo che Vader la teneva salda con la Forza, per poi portarla a bordo del Trasporto di Pattuglia. 

Morte

"Vuole che la stordisca signore? Sarò più che lieto di interrompere queste menzogne Jedi."

" Jedi? Idiota, non sai nemmeno chi devi odiare. Stai prendendo ordini da uno Jedi! Quest'uomo è Anakin Skywalker, un Cavaliere Jedi."

Jocasta Nu ad un Clone, poco prima della sua morte

I Cloni perquisirono la Jedi a bordo della navetta, e passarono il cristallo mnemonico che aveva sottrato all'Holocron a Darth Vader. Essendo in parte una macchina, Vader lo inserì nel suo cinturino, e sui suoi "occhi" apparve la lista dei Bambini Sensibili alla Forza. Jocasta disse che sapeva perché Palpatine la voleva: per trovare quella lista; voleva creare altri esseri come Vader, e gli domandò cosa realmente volesse. Un Clone chiese a Vader il permesso di stordirla, ma Jocasta rivelò l'identità del Sith: altri non era se non che Anakin Skywalker. I Cloni lo fissarono, prima che il una spinta del Lato Oscuro della Forza li gettasse fuori dalla navetta, facendoli precipitare nel vuoto. Vader incolpò Jocasta del destino dei Cloni, ma lei disse che loro avevano scelto quel destino. Vader capì che era troppo pericolosa per vivere: non solo poteva rivelare la sua identità, ma faceva vacillare il Lato Oscuro in lui, era un Signore dei Sith, non poteva permetterlo. Uccise Jocasta, poi fece precipitare il Trasporto di Pattuglia, che esplose. Comunicò  via remoto al suo Maestro la morte di Jocasta, dicendo che era morta nel tentativo di fuggire dalla prigionia. Palpatine gli credette, o fece finta di credergli, poi gli chiese se avesse appreso qualcosa da lei. Vader rispose di no, ma tenendo fissa la scheda con la lista dei bambini Sensibili alla Forza, la strinse nel suo pugno, distruggendola, gettando ciò che restava nel rogo della nave.

Eredità

Diversi anni dopo, Gar, un tempo giovane era diventato ormai anziano, e dopo tutto quel tempo, aveva capito che Jocasta era morta, piazzò una bomba all'ingresso della Scuola di Jocasta Nu, e con una carica la fece detonare, suicidandosi, e chiudendo l'ingresso, ma non distrusse ciò che rimaneva dell'archivio. Qualche tempo dopo Luke Skywalker si recò sul luogo, ed iniziò a spostare la roccia che copriva l'ingresso. Presto Jocasta Nu, grazie al suo lavoro paziente di portare tutto sul misterioso pianeta su cui si era nascosta, avrebbe ridato il sapere ad una nuova generazione di Jedi. Parte di quel sapere Luke se lo portò dietro, e portò i libri al Nuovo Tempio Jedi su Coruscant, lo stesso luogo dove addestrò Kylo Ren



Personalità e tratti

Jocasta nu detail.png

"Se un elemento non compare nei nostri Archivi , non esiste ."

Jocasta Nu

Durante il periodo delle Guerre dei Cloni  , Jocasta Nu era magra e fragile , ed aveva lunghi capelli bianchi che richiudeva in uno stretto chignon . Aveva gli occhi blu ed un'evidente cicatrice che correva lungo il lato destro del volto . Nonostante il suo aspetto anziano , tutti sapevano che Jocasta Nu in realtà era focosa , ed era nota per la sua immensa determinazione e forza . Tuttavia , i giovani studenti Jedi , spesso cercavano di approfittarsi di lei e del suo ruolo ; quando dovevano svolgere delle ricerche , chiedevano all'anziana "innocente" di farle per loro . Tuttavia Jocasta Nu considerava gli Archivi Jedi uno strumento  piuttosto che un servizio , dunque si aspettava che gli Jedi facessero le ricerche per sè stessi da soli , lei aveva il compito di fornire materiale all'Archivio e proteggerlo , in modo che gli Jedi potessero fare le loro ricerche. Gli studenti che la credevano  fragile, innocente e servizievole  si sbagliavano di grosso , e lei si arrabbiava molto con loro quando le chiedevano di ricercare al posto loro . 

Jocasta Nu era estremamente attaccata alla sua biblioteca , che era diventata la sua ragione principale di vita . Questa divenne un'ossessione malsana , perché era troppo attaccata al suo lavoro , e lo seguiva tutto il tempo che poteva reggere durante una giornata . Era molto sicura di sé e certa che se qualcosa non fosse negli Archivi, allora non esistesse , al punto da diventare quasi aggressiva se qualcuno metteva in discussione il suo punto di vista sugli Archivi . Questo suo lato emerse quando Obi-Wan Kenobi le chiese di Kamino . Messa in discussione , cercò di rispondergli in modo cortese e malcelato , ma era in realtà indignato e scortese , con un tono saccente . Alla fine risultò che i dati riguardanti Kamino erano stati cancellati dagli Archivi , e questo la mise in serio imbarazzo , soprattutto perché a scoprirlo era stato un apprendista Jedi di soli quattro anni della classe di Yoda

Alla fine delle Guerre dei Cloni , però , Jocasta Nu riuscì ad accettare il fatto che i suoi amati Archivi fossero incompleti , anche se di poco . Nonostante fosse molto orgogliosa ed incadescente , era anche molto amichevole , gentile e disponibile , a patto che le persone non la prendessero dal suo lato sbagliato . 

Anche se con gli anni, dopo l'Ordine 66, la sua abilità con la Spada Laser si era affievolita, Jocasta aveva costruito una nuova scuola per gli Jedi, e sperava di poter usare la lista dei bambini Sensibili alla Forza per ricreare l'Ordine. Coraggiosamente si recò su Coruscant, cuore pulsante dell'Impero, e combatté contro Il Grande Inquisitore e Darth Vader. Anche se non fu alla loro altezza, e venne uccisa, insinuò dubbi in Vader/Anakin. Dopo la sua morte, la sua scuola abbandonata venne scoperta e Luke portò il sapere di Jocasta Nu a Coruscant, e dalla morte della Jedi in 19 BBY, l' ultimo libro di cui era stata custode, ed altre parti del suo sapere, vennero portate su Ahch-To da Luke, ed il libro venne posato in un luogo sacro, l'Albero Biblioteca



Poteri e abilità

Nonostante l'età avanzata , Jocasta Nu era abile in combattimento.

"Puoi avere la forma di Madame Jocasta , ma non le sue abilità!"

Ahsoka Tano a Cato Parasitti

Jocasta Nu aveva superato le prove Jedi già molto giovane , ed iniziò presto gli studi per specializzarsi nel suo settore, diventando archeologa ed in seguito Console Jedi . Anche se quando invecchiò si ritirò da qualsiasi tipo di missione , sia che essa richiedesse combattimento o meno , e rimase su Coruscant restò comunque un'abile spadaccina , indossava ancora alla cintola la sua Spada Laser, e combatteva con coraggio. La sua Spada Laser era blu , colore strano per una Jedi che aveva conseguito gli studi come Console , dato che questi preferivano il verde , ma in passato - fino a poco prima delle Guerre dei Cloni - ebbe una Spada Laser di quel colore , che dovrebbe essere stata   presumibilmente la sua prima  Spada Laser . Mostrava con orgoglio la cicatrice sul lato destro del volto , e affrontò Darth Vader con coraggio , senza sfidarlo a duello , sapendo già che il suo destino era segnato tramite la sua forte connessione con la Forza . Indossava degli abiti Ansata , in abbinamento alla sua ricerca del sapere , che essi mostravano . 

Dietro le quinte

Jocasta Nu è stata interpretata da Alethea Ada McGrath in Star Wars:Episodio II:L'Attacco dei Cloni .

>  In Star Wars:The Clone Wars è stata doppiata da Flo DiRe in lingua originale.

Secondo StarWars.com Jocasta Nu era alta 1,67 metri , mentre in The Official Star Wars Fact File solo 1,60.

Advertisement