Icona-consultabile.png Questo è un articolo consultabile della Javapedia.

Il soggetto di questo articolo fa parte del brand "Legends".

250px-MygeetoFromSpace.jpg
Mygeeto
Astrografia
Regione

Territori dell'Orlo Esterno

Settore

Settore Albarrio

Sistema

Sistema Mygeeto

Soli

1: Malola

Lune

2

Posizione orbitale

3

Coordinate

K-5

Periodo di rotazione

12 ore standard

Periodo di rivoluzione

167 giorni standard

Informazioni fisiche
Classe

Ghiacciato

Diametro

10.888 Km

Atmosfera

Tipo I

Clima

Gelido

Gravità

Standard

Terreno principale
  • Ghiacciai cristallizati
  • Montagne frastagliate
  • Canyon di ghiaccio
  • Wadi di ghiaccio
  • Crepacci
  • Tunnel
  • Rupi
  • Laghi sotterranei
Fauna nativa
Punti d'interesse
Politica
Specie native

Lurmen

Specie immigrate

Muun

Linguaggio/i
Governo

Corporativo

Popolazione

19 milioni

  • 96% Muun
  • 4% Altri
  • Numero sconosciuto di Mygeetani
Demonimi

Mygeetan

Città maggiori

Jygat (capitale)

Maggiori importazioni
  • Beni alimentari
  • Tecnologia
Maggiori esportazioni

Cristalli

Affiliazioni

Mygeeto era un pianeta localizzato nei Territori dell'Orlo Esterno appartenente al Clan Bancario Intergalattico, importantissima organizzazione economico-finanziaria della Galassia. Fu il pianeta su cui nacque Hego Damask, il futuro Darth Plagueis, e il pianeta natale della specie dei Lurmen.

Caratteristiche geografiche

La superficie cristallina di Mygeeto.

Poiché Mygeeto era avvolto in una perenne era glaciale, le gigantesche stalattiti da glaciazione e il ghiaccio in generale ne coprivano tutta la superficie, così come enormi guglie di cristallo. A causa di ciò Mygeeto significava "gemme" nell'antico linguaggio commerciale dei Muun. I fuochi interni del pianeta da lungo tempo si erano raffreddati e avevano lasciato un deposito colossale di pietre preziose nella sua crosta terreste e nel mantello.

Storia

Un Lurmen.

Pre Repubblica

Nel 30.000 BBY i Rakata conquistarono il pianeta, annettendolo all'Impero Infinito, e schiavizzando i pacifici Lurmen; il loro dominio durò cinquemila anni, finchè una virulenta piaga sterminò la specie aliena, costringendola a ritirarsi sul loro mondo natio. Da quel momento Mygeeto venne dimenticato per millenni finché non venne riscoperto nel 6.740 BBY dai contrabbandieri al soldo degli Hutt; successivamente il pianeta cadde prima sotto il controllo dei Neimodiani e poi dei Muun del CBI. Essi sottomisero i Lurmen e imposero un blocco astronavale intorno al gelido mondo: in questo modo avrebbero impedito infiltrazioni da parte dei loro concorrenti; il CBI costruì molte città sulla superficie in cui si trasferirono i coloni Muun e aprì numerose miniere per l'estrazione dei preziosi cristalli.

Durante le Guerre dei Cloni, Mygeeto si schierò con la Confederazione dei Sistemi Indipendenti e il Cancelliere Palpatine inviò una forza militare per prenderne il controllo (il vero scopo del Sith era quello di ottennere i cristalli necessari alla Morte Nera) ma la battaglia durò ben due anni ed ebbe termine solo per la resa del CSI dopo il massacro di Mustafar; le violenze dello scontro furono tali che molti Lurmen abbandonarono il pianeta e colonizzarono il remoto mondo di Maridun.

Durante la Grande Purga Jedi, il maestro Jedi Ki-Adi-Mundi si trovava sul pianeta e stava portando a termine con successo una battaglia, quando un gruppo di cloni, ricevuto l'Ordine 66, spararono a tradimento a Ki-Adi-Mundi, che, pur riuscendo ad uccidere alcuni di loro, alla fine fu costretto a soccombere, più per la sorpresa che per l'effettiva forza dei cloni. L'Impero Galattico assunse direttamente il controllo di Mygeeto e riorganizzò l'intera produzione mineraria in funzione dei bisogni del cantiere della Morte Nera.

Successivamente i ribelli riescono ad espugnare le guarnigioni imperiali e a riprendere il controllo del pianeta.

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.