Jawapedia
Advertisement
Jawapedia
11 735
pagine

Il soggetto di questo articolo fa parte del brand "Legends". Il soggetto di questo articolo appare nella Era dell'Ascesa dell'Impero.

NuvoVindiHS-SWE.jpg

"Suppongo che uno non può mai avere troppi ratti da laboratorio"
―Nuvo Vindi

Nuvo Vindi era un maschio Faust proveniente da Adana e un medico che visse durante gli anni di declino della Repubblica Galattica. Vindi era mentalmente instabile, usando le sue doti di scienziato e ricercatore per realizzare la sua visione di una galassia perfetta. Originariamente prestante servizio come medico di alto livello per le famiglie penale Perma, scomparve nel 32 BBY e fu creduto morto. Riapparve su Naboo come scienziato della Confederazione dei Sistemi Indipendenti durante le Guerre dei Cloni, divenendo ossessionato dal ricreare l'ormai estinto Virus Blue Shadow, una piaga mortale idrica che provocava la morte velocemente e non aveva cura conosciuta. Vindi lo elaborò di un laboratorio sotterraneo nelle paludi orientali di Naboo a fianco dei droidi da battaglia B1 e LEP-86C8, funzionario LEP droide. Nel 22 BBY Vindi non solo era in grado di re-ingegnerizzare il virus, ma anche creare un ceppo aereo con l'intenzione di rilasciarlo nei principali sistemi stellari della Repubblica.

Dopo che molti dei suoi Droidi da battaglia vennero scoperti dalle forze di sicurezza reali di Naboo, la trama di Vindi è stata scoperta dalla senatrice Padmé Amidala e l'onorevole Jar Jar Binks, che poi contattarono l'Ordine Jedi per l'assistenza. Vindi catturò Amidala e Binks prima dell'arrivo degli Jedi e li tenne come ostaggi nel suo laboratorio fino a quando venne attaccato poco dopo dal Maestro Jedi Obi-Wan Kenobi, Anakin Skywalker, la Padawan Ahsoka Tano, e Soldati Clone della Repubblica. Dopo aver torturato Amidala e Binks per un breve periodo, Vindi tentò di fuggire da Naboo e reintrodurre il virus della galassia. Venne invece arrestato da Skywalker e Kenobi fuori dal suo laboratorio e venne trasportato nella capitale di Naboo, Theed. Anche se il virus venne rilasciato durante la battaglia, una cura fu rapidamente trovata da Kenobi e Skywalker sul pianeta Iego, fermando la minaccia. Vindi venne poi condotto nella capitale galattica di Coruscant a giudizio.

Biografia

Nuvo Vindi era un maschio Faust proveniente dal pianeta Adana, che visse durante l'Era della Repubblica Classica. Sebbene fosse considerato come un brillante scienziato, Vindi aveva un passato di malattia mentale che si manifestava in una filosofia poco ortodossa che riteneva i virus la più alta forma di vita nella galassia. Considerando i virus sacri, Vindi rilasciò il Blue Shadow Virus che aveva catturato il suo interesse. Responsabile per l'antica peste Candoriana che era riemersa circa nel 42 BBY e aveva spopolato Candoria e le sue colonie, il Blue Shadow Virus era letale per tutte le specie conosciute. La Repubblica Galattica emanato metteva in quarantena rigorosa chi contraeva il Blue Shadow Virus su mondi interessati, impedendo la propagazione, fino a che alla fine si spense. Vindi ha preso l'eradicazione del virus da un genocidio e alla fine divenne determinato a ricrearlo.

Ad un certo punto, il medico prestò il suo talento per le operazioni di un'organizzazione criminale noto come le famiglie Perma. Circa in 32 BBY, fu riferito che era scomparso, e si riteneva che fosse stato eliminato dalle famiglie Perma stesse. Il medico era in realtà vivo e stava bene, e allo scoppio delle Guerre dei Cloni nel 22 BBY,si unì alla Confederazione dei Sistemi Indipendenti (CSI). I Confederati, nella speranza di usare l'intelletto malato di Vindi nella loro guerra contro la Repubblica, promisero che la CSI avrebbe sostenuto Vindi nelle sue ricerche, e avrebbe contribuito a diffondere il virus nei sistemi della Repubblica Galattica.

La Confederazione assegnò a Vindi il pianeta Naboo, dove gli venne conferito un laboratorio sotterraneo che era stato costruito già dieci anni prima dalla Federazione dei Mercanti. Il Viceré della Federazione e membro del Consiglio Separatista Nute Gunray nutriva odio verso Naboo dopo la fallita invasione del pianeta e così sponsorizzò Vindi e l'utilizzo del laboratorio sotto paludi del lato orientale del pianeta. All'interno di questo laboratorio, il medico ha lavorato per ricreare il Blue Shadow Virus per scatenarlo contro la Repubblica. Assistito nel suo lavoro da un battaglione di Droidi da battaglia e il suo servo Droide LEP chiamato LEP-86C8, Vindi è stato in grado di ricreare il Blue Shadow Virus nel suo originale ceppo idrico, infettando l'acqua, che se bevuta era capace di uccidere le sue vittime quasi istantaneamente. Ha poi iniziato a lavorare su un ceppo di ingegneria aerea del virus che doveva essere conservato in flaconi che potevano poi essere caricati in bombe con lo scopo di inviarli nei principali sistemi stellari della Repubblica in tutta la galassia.

Padmé Amidala e Jar Jar Binks, eletto rappresentante di Naboo tornarono sul loro pianeta natale per essere di aiuto nelle indagini. Dopo aver fatto una lobotomia ad un Droide Tattico, scoprirono dell'esistenza del virus, e contattarono gli Jedi del Consiglio superiore per l'assistenza. Poco dopo, Amidala e Binks iniziarono a cercare l'origine del virus nella regione orientale delle paludi Gungan. Non lontano dalle paludi, i due si imbatterono in Peppi Bow, la cui mandria di Shaak era appena stata uccisa da un campione del Blue Shadow Virus che era scappato in un fiume di Naboo.


Indirizzati da Bow, Padmé e Jar Jar trovarono il laboratorio di Vindi che catturò entrambi,tuttavia i due riuscirono a riferire le loro posizioni al Capitano Gregar Typho. Tenendo i due prigionieri nel suo laboratorio, Vindi dimostrò la sua capacità di creare un nuovo ceppo aereo del Blue Shadow Virus con macchine che hanno generato archi di energia elettrica. Anche se questo nuovo ceppo virale era più invasivo, uccideva le sue vittime nel corso di un periodo più lungo rispetto a quello che veniva ingerito, ovvero il ceppo di origine idrica, con un arco di quarantotto ore prima di causare la morte. Vindi ha spiegato il suo piano per la diffusione del virus in tutta la Repubblica ai suoi prigionieri preparando la sua prima bomba finale e dandola a LEP-86C8 per memorizzarla e diffonderla.

Il Virus Liberato

"Una volta che il primo droide uscirà dal laboratorio, tutto Naboo sarà condannato!" -Dr. Vindi

Dopo essere stati spediti su Naboo dal Consiglio Jedi, il Maestro Jedi Obi-Wan Kenobi e il Cavaliere Jedi Anakin Skywalker, con la sua Padawan Ahsoka Tano, arrivarono nella capitale di Naboo, Theed, e si prepararono per un attacco al laboratorio di Vindi. Avevano saputo dell' identità del medico e la sua trama per liberare il virus da un oloregistratore estratto da un Droide da Battaglia distrutto. A seguito della ricognizione di Ahsoka Tano e Peppi Bow presso le coordinate inviate al capitano Typho da Amidala, i tre Jedi sono stati in grado di violare il laboratorio e procedere con le loro missioni: Tano e il Capitano Clone Rex crearono un diversivo, mentre Kenobi disattivò le bombe. Skywalker venne incaricato di salvare Amidala e Binks, oltre a catturare Vindi.

Messo in allarme per la violazione, il medico ordinò ai suoi Droidi di combattere gli intrusi, mentre lui è rimasto con Amidala e Binks. Preparandosi per l'arrivo del Jedi, Vindi legò i suoi due prigionieri al materiale che aveva usato per modificare il virus. Quando arrivò Skywalker, il medico attivò la sua macchina, che ha cominciato a dare scosse elettriche agli ostaggi, e ordinò a Anakin di deporre le armi, o avrebbe ucciso Padmé e Jar Jar.Ordinò anche alle sue truppe di Cloni di fare la stess cosa. Skywalker accettò, lasciando cadere la sua spada laser così come i Soldato Cloni abbandonarono le loro armi. Anche se Vindi disattivò la macchina, lui sapeva di non poter fermare lo Jedi a lungo, e così ha offerto a Skywalker una scelta: la sua cattura, o il salvataggio degli ostaggi. Vindi cominciò a dare scosse ai suoi prigionieri ancora una volta, e fuggì con diversi contenitori del virus, mentre Skywalker corse a salvare Amidala e Binks. Mentre Vindi scappava dalla sala, ha rovesciato un pacco di fiale contenenti il virus. Prima che potessero cadere al suolo frantumandosi, Anakin, con La Forza, le sollevò e le rimise apposto.


Vindi fuggì dal suo laboratorio durante l' assalto della Repubblica. Vindi andò verso il suo shuttle negli hangar sotterranei del laboratorio, poi da remoto attivò il timer per le sue bombe contenenti il virus. Sotto la minaccia di scaricare le bombe e rilasciando il virus nel laboratorio, ma la squadra di artificieri di Kenobi si mise subito al lavoro per fermare le bombe. Vindi aveva raggiunto la piattaforma di decollo, ma venne affrontato dai Jedi con Rex, poi Peppi Bow attaccò il suo shuttle.

Il medico, ancora speranzoso, però, proclamò che presto le bombe sarebbero esplose. Tuttavia, non vi è stata alcuna esplosione, dato che gli artificieri clone avevano disattivato tutte le bombe, ma una di esse, era ancora in possesso del Droide LEP di Vindi, che però venne sconfitto da Padmé.

Mentre Skywalker e Kenobi stavano catturando Vindi, per portarlo su Coruscant dove sarebbe stato processato, sentirono un allarme rosso proveniente. Per la gioia di Vindi, il suo Droide assistente era stata in grado di rimuovere il virus dal contenitore della bomba e aveva diffuso il virus. Il droide si era nascosto nella stanza di stoccaggio delle bombe, e aveva riattivato uno dei esplosivi, distruggendo sé stesso e due cloni nel processo. L'esplosione ha rilasciato il virus in laboratorio e Padmé,Jar Jar e Ahsoka, con i Cloni, iniziarono a respirarlo, rimanendo contagiati. Anakin minacciò Vindi puntandogli la Spada Laser alla gola, ordinandogli di fornire subito un rimedio, ma Vindi si rifiutò, affermando che il suo lavoro era scatenare pandemie e virus, non trovare cure ad essi.

Skywalker e Kenobi scoprirono che la radice della pianta Reeksa del pianeta Iego poteva annullare gli effetti provocati dal virus, ed i due sono stati in grado di ottenere un campione prima che il virus potesse uccidere tutte le persone che lo avevano respirato all'interno del laboratorio, compresi Padmé, Jar Jar, Ahsoka e i Cloni. Mentre trasportavano i malati a Coruscant con urgenza, Vindi venne messo in stato di fermo, e in seguito venne processato a Coruscant, e la corte, riconoscendo i crimini del dottore, lo fece rinchiudere in un carcere di massima sicurezza.

Advertisement