FANDOM


Star Wars The Force Awakens-CUT
ATTENZIONE SPOILER
C'è stato un risveglio. L'hai sentito?
Questa pagina è correlata con Star Wars: Episodio VII, e potrebbe contenere degli spoiler!


Icona-consultabile Questo è un articolo consultabile della Javapedia.

Eras-canon

Poe Dameron-TFAPromo
Poe Dameron
Informazioni biografiche
Pianeta di origine

Yavin 4

Nato/a

2 ABY

Descrizione fisica
Specie

Umano

Sesso

Maschio

Altezza

173 cm

Peso

80 kg

Colore capelli

Neri

Colore occhi

Castani

Colore pelle

Chiara

Informazioni cronologiche e politiche
Affiliazione/i

Nuova Repubblica Resistenza

Poe Dameron è un pilota umano che ha servito per la Nuova Repubblica e, in seguito, per la Resistenza durante la guerra con il Primo Ordine. È il figlio del luogotenente Shara Bey e del sergente Kes Dameron dell’Alleanza Ribelle, ed ha seguito le orme di sua madre diventando un pilota, arruolandosi nella flotta della Nuova Repubblica come comandante dello squadrone Rapier, ma è disilluso dall’inattività della Repubblica contro le violazioni del Primo Ordine del Concordato Galattico. Unitosi alla Resistenza Poe divenne uno dei più fidati membri del Generale Leia Organa. Dameron vola con il nominativo Capo Nero pilotando il suo Caccia Stellare specialiazzato, Ala-X T-70, Nero Uno.

Biografia

Infanzia

Poe Dameron nacque nel 2 ABY da Shara Bey e Kes Dameron, entrambi membri dell'Alleanza Ribelle durante la Guerra Civile Galattica contro l'Impero Galattico. Da bambino Poe vedeva raramente i genitori a causa delle loro missioni, prima e dopo la battaglia di Endor, dal momento che sua madre lavorava come pilota ribelle nello squadrone Verde e suo padre era un membro dei Pathfinders, Poe era spesso lasciato alle cure del nonno materno. Sei mesi dopo la Battaglia di Endor i genitori di Poe lasciarono il servizio nella Ribellione per riunirsi a lui e, stabilitisi su Yavin 4, costruirono una casa e vi piantarono vicino un albero sensibile alla forza regalatogli dal Cavaliere Jedii Luke Skywalker. All’età di 6 anni, Poe imparò a pilotare sul vecchio Intercettore Ala-A RZ-1, Shara lo teneva in braccio nella cabina di pilotaggio insegnandogli a controllare la nave. Quando aveva solo 8 anni una tragedia colpì la sua famiglia: sua madre morì inaspettatamente.

Nuova Repubblica

Cresciuto, Poe divenne un pilota come sua madre e si unì alla flotta della Nuova Repubblica. Durante il servizio comprese il vero scopo dell’eroismo di sua madre e lui stesso cominciò a scalare i gradi diventando un comandante e guadagnandosi la reputazione di essere un pilota estremamente abile.
A capo dello squadrone Rapier, un gruppo di Ala-X T-85, Poe incontrò l’astrodroide sferico BB-8, che lo assiste durante i suoi voli come Capo Rapier e che diventa velocemente suo amico.
Lo squadrone stazionava alla Base della Repubblica su Mirrin Prime. All’epoca Poe si rese conto della minaccia che il Primo ordine rappresentava ed avvisò la Repubblica ma lui ed il suo squadrone furono impiegati per il controllo dei commerci nel settore di Mirrin proteggendo le navi dai pirati.

La Yissira Zyde

Dopo quattro settimane di inattività, lo scanner di Poe ricevette una chiamata di soccorso dalla Yissira Zyde, un Mercantile classe NK-Witell che operava come commerciante libero durante la Guerra Fredda. Una volta che scoprirono la sua esatta posizione vicino Suraz 4, Poe ed il resto dei Rapier saltarono nell’iperspazio, aspettandosi di trovare la Zyde sotto attacco dei pirati. Giunti là trovarono il mercantile assediato otto Caccia TIE del Primo Ordine stavano per attaccare. Dividendosi in due blocchi, Poe e Kun attaccarono i Caccia TIE, mentre Arana e Muran distrussero le navette che attaccavano la Zyde. Durante le schermaglie Poe eliminò cinque caccia nemici e Kun gli altri tre e lo squadrone perse Muran. In seguito, Dameron cercò di convincere il suo superiore Desso a contattare la Resistenza o di investigare sull’attacco, ma con l’ordine della Repubblica di non agire contro il Primo Ordine, la richiesta di Poe fu rifiutata. Quando fu inviato di nuovo in missione Poe si separò da Kun e Arana per intraprendere una missione di ricognizione sulla traiettoria nell’iperspazio di Yissira Zyde da solo con BB-8. Insieme, raggiunsero OR-Kappa-2722 dove trovarono un punto di sosta del Primo Ordine e Poe dovette combattere e sfuggire da due dozzine di Caccia TIE mentre BB-8 localizzò la Zyde a bordo di uno degli Star Destroyer. Quando furono pronti per tornare, Poe riuscì a raggiungere Mirrin Prime, sul pianeta incontrò il maggiore Caluan Ematt e fu condotto in una sala riunioni dove lo aspettava il Generale Leia Organa, che voleva sapere tutto sulla Yissira Zyde.

Resistenza

Alla fine del suo resoconto sulla schermaglia, il Generale realizzò che Poe le ricordava suo fratello Luke Skywalker, per la sua convinzione, il suo essere uno straordinario pilota e la sua dedizione nel fare la cosa giusta, e gli offrì l’opportunità di unirsi alla Resistenza nel conflitto contro il Primo Ordine. Poe accetta immediatamente, così come Kun e Arana. Conservando il grado di comandante e ora al comando della sua squadra di caccia, Poe fu trasferito all’Incrociatore Stellare Eco di Speranza, e nei mesi seguenti aiutò a reclutare nuovi piloti, guidare missioni di esplorazione e cercare segnali dei movimenti del Primo Ordine. Durante il suo servizio nella resistenza, Poe divenne uno dei più fidati del Generale Organa e scalò velocemente i gradi del corpo dei Caccia Stellari a corto di personale, guadagnando il comando sia dello squadrone blu che del rosso, l'ultimo dei quali era la principale linea di difesa per la base della Resistenza su D'Qar. Con il nominativo di Capo Nero per denotare lo scafo nero personalizzato del suo Caccia Stellare Ala-X T-70 Nero Uno, Poe era assistito da BB-8 durante i suoi voli.

Operazione: Sabre Strike

In seguito Poe fu scelto dal Generale Organa per l’Operazione: Sabre Stike per rubare i dati del computer di navigazione della Hevurion Grace, che apparteneva al senatore della Repubblica Erudo Ro-Kiintor, simpatizzante del Primo Ordine. Poe reclutò Kun e Arana e tre Headhunter Z-95 per l’operazione. Costretto a lasciare BB-8 a terra, Poe e la squadra si recarono nel sistema di Uvoss e attesero l’arrivo della nave di lusso classe Pinnacolo. Una volta giunta, Kun e Arana disabilitarono la nave e la scortarono come stabilito, mentre Poe utilizzò una tuta EVA per atterrare sulla nave di Ro-Kiintor. All’interno Poe dichiarò la nave degli Irving Boys per rafforzare la loro alleanza e costrinse il senatore, il suo pilota ed il suo servitore a lasciare la nave sui gusci di salvataggio. Poe si diresse quindi alla cabina di pilotaggio dove riavviò il motore mentre giunsero le navi del Primo Ordine. Dopo aver combattuto contro una fregata e due Star Destroyer, Poe, Kun e Arana riescono a scappare atterrando sulla Eco di Speranza. Il generale Organa incontra Poe e manda C-3PO a recuperare tutto ciò che può dai computer di bordo. Il giorno seguente Poe confida a Leia la sua rabbia e preoccupazione per la loro situazione, che gli ricorda l’essere senza speranza durante l’Era Imperiale narratagli dai suoi genitori. Leia decide di mandarlo a cardare Lor San Tekka a Jakku, che (secondo i dati trovati sulla Hevurion Grace) il Primo Ordine stava cercando di localizzare, e che, secondo Leia, possedeva un indizio sulla posizione di suo fratello Luke.

Missione su Jakku

"La Resistenza… non sarà intimidita da te."

―Poe Dameron a Kylo Ren

Inviati dal Generale Organa, Poe e BB-8 si recano a Tuanul su Jakku per recuperare la mappa per la posizione di Luke Skywalker da Lor San Tekka, ma durante il loro incontro le truppe imperiali sotto il comando di Kylo Ren, attaccarono il villaggio. Messo in allerta del loro arrivo da BB-8, Poe ed il droide tentano di scappare con il loro Caccia Stellare Ala-X ma due Assaltatori disabilitano i motori. Senza ulteriori alternative Poe è costretto a consegnare la mappa a BB-8 ordinandogli di scappare. Dopo aver assistito all’omicidio di Tekka da parte di Ren, Poe cerca di sparare a Kylo Ren ma viene catturato e preso prigioniero. Portato a bordo dello Star Destroyer classe Resurgent Finalizer, Poe resiste all’interrogatorio finché Ren non lo tortura con la Forza, costringendolo a rivelargli di aver consegnato la mappa a BB-8. Lasciato solo da Kylo Ren viene salvato da un assaltatore di nome FN-2187 rinominato da Poe “Finn”. I due rubano un Caccia TIE e cercano di tornare su Jakku per recuperare BB-8 ma vengono colpiti. Mentre Finn viene eiettato Poe resta incastrato a causa della sua giacca, Poe attua un atterraggio di fortuna venendo sbalzato lontano dalla sua giacca che, ritrovata da Finn, gli fa credere che il pilota sia morto. A causa di una commozione e di un breve periodo di perdita di memoria, si risveglia solo e trova una nave per contattare la Resistenza, certo di potersi riunire con BB-8 con il loro aiuto. Durante il viaggio incontra un nativo che lo aiuta a trovare una nave per tornare alla Resistenza e riesce a tornare su Yavin 4, dove aveva lasciato la sua nave, Nero Uno, prima di partire per Jakku.

Battaglia di Takodana

"Su attaccate. Non fatevi spaventare da quelli."

―Poe Dameron

Dopo la distruzione del sistema di Hosnian, Poe comandò lo squadrone della Resistenza di Ala-X contro l’attacco del Primo Ordine al castello di Maz Kanata a Takodana. Poe, pilotando il Nero Uno, volò pericolosamente in basso, attaccando a livello delle cime degli alberi e abbattendo numerosi caccia TIE, sparando ripetutamente e senza sprecare colpi. La battaglia terminò con l’ordine di Ren alle sue truppe di ritirarsi, una volta catturata Rey, che aveva visto la mappa che portava a Skywalker. Tornato alla base Poe si riunisce con BB-8 e Finn, che chiede l’aiuto di Poe per salvare Rey. Insieme i due partecipano alla riunione dove Finn rivela ciò che sa sulla super arma del Primo Ordine, la Base Starkiller. Dopo un volo di perlustrazione di Wexley, la Resistenza stabilisce un piano d’attacco alla base, assegnando a Poe il comando dell’attacco dei caccia stellari all’oscillatore termico dell’arma.

Battaglia della Base Starkiller

Una volta ricevuta la notizia dell’atterraggio del Millennium Falcon sulla Base Starkiller, Leia ordina di schierare gli Ala-X. Poe, al comando, ancora una volta a bordo del Nero Uno e assistito da BB-8, era partito da D’Qar con gli altri piloti. Appena Finn, Han Solo e Chewbacca riuscirono a disabilitare gli scudi dell’oscillatore termico, Poe e i caccia vengono autorizzati ad attaccare e la squadra esce dall'Iperspazio. Ordinando agli altri piloti di colpire il bersaglio il più possibile, anche lui colpisce il bersaglio con il massimo degli armamenti del suo Ala-X, ma riescono a stento a danneggiarlo prima di ingaggiare una battaglia con i Caccia TIE. Grazie allo squarcio creato dalle bombe piazzate dalla squadra di terra, Poe,con il supporto dello squadrone, ci vola attraverso e procura enormi danni dando inizio ad una reazione a catena che distrugge la Base Starkiller. Poe riesce a sfuggire all’esplosione ma si rifiuta di ritirarsi lasciando indietro il Millennium Falcon e ordina agli altri piloti di cercarlo. Dopo aver localizzato la nave lasciare la Base, Poe richiama gli squadroni e raggiunge D’Qar poco prima del Falcon. Come BB-8 e molti altri ha atteso l’atterraggio del Falcon alla base. In seguito prende parte all’incontro strategico sulla mappa per Skywalker, quando l’astrodroide del Jedi, R2-D2, si risveglia e rivela di possedere la parte di mappa mancante a BB-8.

Evacuazione di D'Qar

“Cinguetta allegro, amico. Avanti, abbiamo fatto follie peggiori”

- Poe Dameron al suo droide BB-8

Durante l’attacco alla Base Starkiller, la Resistenza aveva abbassato la guardia sulla protezione della base di D’Qar, credendo inizialmente che non sarebbero sopravvissuti. Mentre riprendevano le loro attività, C-3PO avvisa il Generale Organa e gli altri membri della Resistenza dell’arrivo della flotta del Primo Ordine. Leia ordina così di evacuare il pianeta. Comprendendo che non sarebbero riusciti a lasciare il pianeta prima dell’attacco, Poe propone a Leia un semplice piano di distrazione: avrebbe pilotato il Nero Uno e trattenuto la flotta del Primo Ordine abbastanza da dare alla Resistenza il tempo di evacuare, considerando l’enorme ego del Generale Hux del Primo Ordine, gli avrebbe fatto perdere il controllo. Nonostante l’Ammiraglio U.O. Statura gli avesse detto che non sarebbe sopravvissuto a tale attacco, Poe replicò che sarebbe stato un bersaglio troppo piccolo per le armi degli Star Destroyer, asserendo che sarebbe anche potuto volare vicino agli incrociatori per farli danneggiare l’un l’altro. Poe si dirige quindi da solo verso la corazzata distruggendo i cannoni di superficie della Fulminatrix e dando il via libera a Tallie Lintra, a capo dello squadrone blu, a protezione dei bombardieri. Nonostante l’esito positivo del piano e la distruzione della corazzata, la missione causa ingenti perdite anche per la flotta della Resistenza.

Retrocessione e ammutinamento contro il Viceammiraglio Holdo

"CODARDA! Quelle navi trasporto sono disarmate, senza scudi. Se abbandoniamo l’incrociatore è finita, non abbiamo speranze. No, lei non è solo una codarda, è anche una traditrice”

― Poe Dameron contro il Viceammiraglio Holdo sulla Raddus

Le azioni avventate di Poe lo mettono nei guai con i suoi alleati, ricevendo una retrocessione da Comandante a Capitano ed uno schiaffo dal Generale Leia Organa. Quando la flotta della Resistenza viene attaccata, Leia resta ferita e molti dei veterani Ribelli come l’Ammiraglio Ackbar, il Viceammiraglio Amilyn Holdo prende il posto di Leia come leader. Cronfrontatosi con Holdo, comprende che lei non ha intenzione di attuare alcun piano per risolvere il problema dell’avvicinarsi della flotta nemica della mancanza di carburante. Certo che Leia non avrebbe approvato la leadership di Holdo, Poe fa squadra con il Luogotenente Kaydel Ko Connix, l’addetta alla manutenzione Rose Tico, BB-8 e Finn per organizzare un piano per salvare la Resistenza. Mentre Finn, Rose e BB-8 si recano al Casinò di Canto Bight per trovare un maestro apri codici che li conduca sulla nave ammiraglia del Primo Ordine, Poe e Connix restano a bordo della Raddus. Quando Finn, Rose e BB-8 tornano con l’apri codici DJ, Poe e i suoi alleati si ammutinano contro Holdo ed i suoi. Mentre Poe cerca di convincere C-3PO ad unirsi a loro, Leia si risveglia, stordendo Poe.

Battaglia di Crait

"Noi siamo la scintilla che appiccherà il fuoco che distruggerà il Primo Ordine."

―Poe Dameron

Tornata al comando, Leia decide di seguire il piano di Holdo, abbandonando l’ammiraglia e tutti i membri della Resistenza tranne il Viceammiraglio lasciano la Raddus, Holdo decide di restare sulla nave per dare più tempo ai trasporti di allontanarsi dai nemici e sacrificandosi. A bordo dell’Ammiraglia nemica Finn e Rose vengono traditi da DJ, che rivela al Primo Ordine il piano della Resistenza, così che il Gerale Hux riesce a distruggere gran parte dei trasporti della Resistenza. Holdo decide quindi di sacrificarsi scontrandosi a velocità luci con la nave Ammiraglia, uccidendo gran parte degli ufficiali degli assaltatori e distruggendo la flotta. Le sue azioni permettono a Poe e a ciò che resta della Resistenza di atterrare sul pianeta minerario Crait. Giunti a Crait, i Ribelli mandano una chiamata di soccorso sperando di attirare l’attenzione di alleati della Resistenza nell'Orlo Esterno. Sul pianeta Poe guida la Resistenza in un’ultima battaglia contro l’esercito del Primo Ordine. Quando si rendono conto di non poter scappare, Poe nota che le Voluptex sono in qualche modo uscite e seguendo una di loro conduce gli ultimi Ribelli ad un passaggio segreto che viene aperto da Rey con l’uso della forza. Al sicuro sul Millennium Falcon Poe incontra Rey e coglie l’opportunità di presentarsi all’ultima Jedi.

Dietro le quinte

Poe Dameron è interpretato da Oscar Isaac in tutti e tre i film della trilogia sequel, Star Wars: Episodio VII Il risveglio della Forza (2015), Star Wars: Episodio VII Gli Ultimi Jedi (2017) e Star Wars: Episodio IX The Rise of Skywalker (2019).
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.