FANDOM


I Predoni Tusken, chiamati anche Sabbipodi o più semplicemente Tusken, erano una specie senziente nativa di Tatooine molto aggressiva.

Storia

I Tusken erano i sopravvissuti dei Kumumgah che avevano disobbedito all'Impero Infinito dei Rakata: la loro rivolta venne punita con la distruzione della superficie del pianeta, che venne bombardato fino a fonderne la superficie, che diventò molto simile a vetro fuso. In seguito il vetro si trasformò in sabbia, e il cambiamento climatico causò una evoluzione dei Kumumgah, che diventarono Ghorfa e Jawa. Tatooine venne scoperto per la prima volta dagli esploratori della Repubblica Galattica nel 5.000 BBY. I coloni umani che giunsero sul pianeta furono molti aggressivi con i nativi, provocando una svolta violenta nella loro cultura. Nel 95 BBY, Fort Tusken venne distrutto dai Sabbipodi; l'accaduto ruppe i rapporti dei coloni con i nativi. Da quel punto, gli umani chiamarono i Sabbipodi con il nome "Predatori Tusken".

Cultura e società

Anche se appaiono chiaramente umanoidi, gli studi fatti su pochi cadaveri di Tusken non hanno rivelato molto. Per proteggersi dai venti violenti e dal caldo opprimente del deserto, i Tusken usavano degli abiti color sabbia e delle coperture per la testa. I loro occhi erano coperti con visori che servivano a proteggerli dai raggi solari. Ai Tusken era probito togliersi i vestiti, se non per speciali occasioni come il matrimonio; la violazione di quella regola portava all'esilio o alla morte. I Sabbipodi erano organizzati in clan e tribù, dove il clan era composto da 20 o 30 membri, e la tribù non aveva limiti. I maschi avevano il ruolo di cacciatori e di protettori, mentre le femmine si prendevano cura dei giovani e degli accampamenti. Dopo aver completato i riti della maturità, i sabbipodi venivano appaiati per il matrimonio in una cerimonia che prevedeva lo scambio di sangue tra il maschio, la femmina e i loro bantha. Molti rituali contribuivano a tenere la società unita. I sabbipodi adolescenti dovevano passare un rituale conosciuto come "rito di sangue" dove un giovane provava le proprie abilità nella caccia catturando una creatura e torturandola con tecniche per estendere il dolore per settimane prima della morte. Molti sceglievano creature come bantha o wraid del deserto, ma il maggior prestigio veniva riconosciuto a coloro che praticavano la tortura su un essere senziente. L'ultima prova per un adulto era la caccia e l'uccisione di un dragone krayt. I Sabbipodi parlavano una lingua gutturale conosciuta come lingua Tusken che produceva nomi lunghi come Grk'Urr'Akk, Grk'kkrs'arr, Orrh Or'Ur e Orr'UrRuuR'R. Esistevano anche nomi corti, come K'Sheek. Senza lingua scritta, i Sabbipodi si basavano sulla storia orale da trasmettere ai discendenti. I cantastorie erano considerati bene e avevano la responsabilità di ricordare la storia di ogni membro del clan. Per cantastorie apprendisti, la pressione nel memorizzare la storia era intensa: un errore significava la morte. Se un allievo cantastorie riesce a recitare la storia perfettamente, diventa il cantastorie del clan, mentre il vecchio abbandona la sua casa per avventurarsi nel deserto per il resto della vita.

Dietro le quinte

I Tusken apparvero per la prima volta nella seconda bozza di Star Wars Episodio IV: Una Nuova Speranza: essi erano spie dell'Impero inviati sulla superficie di Utapau per scoprire cosa avesse condotto lì Deak Starkiller. Nella terza bozza si trasformarono nel popolo nativo di Tatooine.

Principali apparizioni

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.