FANDOM


Tab-canon-white   Tab-legends-black  

Republic Emblem

Repubblica Galattica
Informazioni generali
Nome originale
  Galactic Republic
Forma di governo
  Repubblica Parlamentare Federale
Capitale
  Galactic City, Coruscant
Moneta
  Dataria Repubblicana
Festa nazionale
  Giorno della Repubblica
Informazioni politiche
Costituzione
  Costituzione Galattica
Capo dello Stato
  Cancelliere Supremo
Capo delle Forze Armate
  • Cancelliere Supremo
  • Alto Comando della Repubblica
Organo esecutivo
  Ufficio del Cancelliere
Organo legislativo
  Senato Galattico
Organo giudiziario
  • Corte Suprema
  • Dipartimento Giudiziario
Organo religioso
  Ordine Jedi (non ufficialmente)
Organo militare
  • Forze Giudiziarie
  • Forze Armate della Repubblica
Informazioni cronologiche
Fondazione
  Prima del 1019 BBY
Scioglimento
  19 BBY, riorganizzata nell'Impero Galattico
Restaurazione
  4 ABY, come Nuova Repubblica
Epoca
  Età della Repubblica

La Repubblica Galattica, ricordata dai posteri come la Vecchia Repubblica, era una repubblica federale interplanetaria che ha governato la Galassia per un circa migliaio di anni prima di venire riorganizzata nell'Impero Galattico al termine delle Guerre dei Cloni. La sua capitale era l'Ecumenopoli di Coruscant, uno dei Mondi del Nucleo. Qui avevano la loro sede il Senato Galattico e l'Ufficio del Cancelliere, nonché l'Ordine Jedi.

Organizzazione

Secondo i dettami della Costituzione Galattica, la Repubblica era governata dal Senato Galattico, un corpo legislativo composto da duemila membri provenienti da tutta la Galassia per rappresentare gli interessi dei rispettivi pianeti d'origine. Al Cancelliere Supremo, eletto dai senatori, spettava il potere esecutivo e il compito di presiedere le riunioni del Senato. In assenza di forze armate permanenti, la Repubblica faceva affidamento sui Jedi e sulle Forze Giudiziarie per garantire la pace nei suoi territori, mentre soltanto negli ultimi anni della sua esistenza vennero create delle vere e proprie Forze Armate.

Storia

L'alba di una nuova democrazia

Prima della fondazione della Repubblica Galattica, Coruscant era stata la capitale di un'altra repubblica, gradualmente caduta in declino e infine crollata a causa della guerra con i Sith, un ordine di adepti del Lato Oscuro della Forza. Il dominio dei Sith sulla Galassia giunse al termine quando i Jedi riuscirono a liberare Coruscant, infliggendo una durissima sconfitta ai loro nemici. Mentre i Sith scomparvero e vennero ritenuti estinti, un certo numero di sistemi planetari si riunirono per fondare, sotto la protezione dei Jedi, la Repubblica Galattica, inaugurando così una millenaria epoca di pace e democrazia. Per secoli la Repubblica si è ampliata con l'ammissione pacifica di nuovi sistemi planetari, che così facendo ottenevano una rappresentanza nel Senato, e con la colonizzazione di altri pianeti ad opera di avventurosi pionieri.

Stagnazione e declino

Con la crescita di potere della Repubblica, molti dei burocrati e dei Senatori diventarono sempre più corrotti e compiacenti. I Mondi del Nucleo accumularono ricchezza a scapito dei sistemi più periferici e specialmente dei Territori dell'Orlo Esterno, flagellati dalla presenza di pirati e organizzazioni criminali che le forze repubblicane non riuscivano a debellare. Tutto ciò provocava un crescente sentimento di disaffezione verso la Repubblica da parte degli abitanti di questi sistemi.

Nel 32 BBY la Federazione dei Mercanti organizzò prima il blocco navale e poi l'invasione del pianeta Naboo nell'Orlo Intermedio, ufficialmente per protestare contro la tassazione delle rotte commerciali ma in realtà aizzata dal Signore dei Sith Darth Sidious, che pubblicamente era proprio il senatore Sheev Palpatine di Naboo. Non riuscendo a trovare sufficiente sostegno alla propria causa in Senato, la regina Padmé Amidala venne convinta dal senatore Palpatine a proporre un voto di sfiducia contro il Cancelliere Finis Valorum.

Una volta eletto al Cancellierato, Palpatine continuò a lavorare in segreto per rovesciare la Repubblica e restaurare il dominio dei Sith, nascondendosi sotto la facciata di un onesto servitore del bene comune. Il suo nuovo apprendista, Darth Tyranus, conosciuto pubblicamente come il conte Dooku, cominciò invece a soffiare sul fuoco delle tensioni tra il Nucleo e l'Orlo Esterno per esacerbare la situazione fino allo scoppio della Crisi Separatista.

La caduta della Repubblica

Mentre Dooku e i suoi alleati si staccavano dalla Repubblica formando la Confederazione dei Sistemi Indipendenti, Palpatine nel 22 BBY otteneva dal Senato i poteri speciali e annunciava la fondazione del Grande Esercito della Repubblica, composto da cloni soldato. I Jedi parteciparono alle Guerre dei Cloni, iniziata con la Prima Battaglia di Geonosis, in veste di generali e comandanti, ignari del fatto che l'esercito della Repubblica era stato in realtà commissionato da Palpatine allo scopo di eliminarli. Nel corso della guerra il Cancelliere riuscì ad ammassare una crescente quantità di poteri speciali e a rimanere in carica oltre la scadenza naturale del suo mandato, provocando la diffidenza dell'Alto Consiglio Jedi e di vari senatori.

Dopo tre anni di guerra Palpatine rivelò la sua vera identità ad Anakin Skywalker e riuscì a portarlo al Lato Oscuro, nominandolo suo apprendista con il nome di Darth Fener (Vader). Accusati di tradimento, i Jedi vennero quasi completamente sterminati da Fener e dai soldati clone con l'emanazione dell'Ordine 66. Ormai sicuro del proprio potere Sidious proclamò infine di fronte al Senato la riorganizzazione della Repubblica nel Primo Impero Galattico, con lui stesso come sovrano. Dopo mille anni di esistenza, la Repubblica Galattica era tramontata.

Eredità

Nonostante la dissoluzione della Repubblica, gli ideali di democrazia sopravvissero e vennero fatti propri da vari gruppi ribelli che si opposero all'Impero e formarono l'Alleanza per la Restaurazione della Repubblica. Con la distruzione della Morte Nera II e la morte dell'Imperatore, l'Alleanza instaurò la Nuova Repubblica sulle ceneri dell'Impero.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.