Jawapedia
Advertisement
Jawapedia
12 307
pagine

Il soggetto di questo articolo fa parte del brand "Legends". Il soggetto di questo articolo appare nella Era della Vecchia Repubblica.

Farfalla: "Ora che la Fratellanza dell'Oscurità è stata sconfitta, il Senato Galattico vuole porre ufficialmente fine a questa guerra. C'è una legislazione importante sul tavolo che potrebbe cambiare il volto della Repubblica per sempre. Valorum vuole discuterne con me prima che il Senato voti."

Johun: "E questa legislazione influirà anche sui Jedi?"

Farfalla: "Lo farà, in un modo che non puoi nemmeno immaginare."

-Valenthyne Farfalla e Johun Othone, durante una discussione sulle riforme.

La Riforma di Ruusan fu un evento che ristrutturò l'intera Repubblica Galattica, investendo di nuovi poteri il Senato Galattico a discapito del Cancelliere Supremo.

Riforma[]

"Ti rendi conto di cosa porterà ciò che stai chiedendo, Tarsus? La tua proposta richiede che i Jedi rinuncino ai loro gradi militari e ci chiedi di dissolvere le nostre forze terrestri, navali e stellari. Ci stai chiedendo di distruggere l'Esercito della Luce!"

- Valenthyne Farfalla

Le riforme vennero attuate dall'allora Cancelliere Tarsus Valorum. L'Ufficio Repubblicano per le Misure e gli Standard riassegnò l'anno zero all'anno in cui fu combattuta la Settima Battaglia di Ruusan (nel Calendario Galattico Standard viene oggi considerato l'anno 1.000 BBY).

L'approvazione dell'Emergency Powers Act in vista dell'inizio delle Guerre dei Cloni, così come l'Emendamento Reflex alla Costituzione Galattica durante il conflitto, hanno reso Sheev Palpatine il Cancelliere più potente dai tempi della Riforma.

In precedenza, il potere esecutivo era prerogativa del Cancelliere Supremo, mentre il Senato Galattico aveva solo quello legislativo. Valorum cambiò questo sistema, passando il potere esecutivo anche al Senato; il Cancelliere diveniva così molto più responsabile nei confronti del Senato e aveva il compito di metterne in pratica le direttive. La sua autorità esecutiva veniva solamente dalla sua presidenza del Consiglio Senatoriale. In questo modo, Valorum voleva permettere una maggiore partecipazione dei sistemi periferici all'implementazione delle leggi e delle politiche della Repubblica, evitando una linea troppo centralizzata.

Il Dipartimento Giudizario venne dotato di una propria flotta stellare e incaricato di fare le veci delle Forze Armate che, già di fatto assenti da parecchio tempo, vennero così ufficialmente abolite. Con esse scomparve il Ministero della Difesa.

Il sistema governativo non subì cambiamenti radicali dal momento che la Repubblica era governata da un Cancelliere Supremo e dal Senato sin dal 15.000 BBY, ma l'Ordine dei Jedi subì un serio ridimensionamento. I Jedi dissolsero il loro Esercito e mezzi militari e si posero sotto la supervisione del Cancelliere e del Dipartimento Giudiziario, inoltre, per scongiurare un possibile ritorno dei Sith, l'Ordine iniziò ad addestrare i futuri Jedi sin dalla loro nascita e l'addestramento dei Padawan venne spostato su Coruscant, per evitare che studenti al di fuori della supervisione rischiassero di cadere nella tentazione di seguire la strada dei Sith.

Nel tentativo di eliminare la corruzione e decentralizzare il potere detenuto da alcuni sistemi del Nucleo, Valorum riorganizzò in 1.024 settori quelli che fino ad allora erano milioni. Ognuno di questi veniva rappresentato da un Senatore, anche se alcuni tra i sistemi più potenti mantennero la loro rappresentazione individuale.

La Riforma mise fine al periodo noto come Era Buia della Repubblica e diede inizio alla sua Era d'Oro.

Proprio con l'entrata in vigore delle nuove leggi, l'Ordine Sith di Darth Bane emanò una propria riforma: la Regola dei Due.

Dietro le scene[]

La Riforma di Ruusan è stata introdotta nella sequenza temporale per spiegare diverse differenze tra la Vecchia Repubblica come presentata nei fumetti e quella apparsa nella trilogia prequel.

Nel Legends, la Repubblica è ben nota per esistere da circa 25.000 anni, sulla base della linea di Obi-Wan Kenobi in Una nuova speranza secondo cui i Jedi erano stati "i guardiani della pace e della giustizia nella Vecchia Repubblica" "per oltre mille generazioni". Per molto tempo, le fonti di Legends sono state le uniche opere ambientate durante l'era della Repubblica, in particolare le famose saghe di Tales of the Jedi. Tuttavia, in L'attacco dei cloni, Palpatine ha menzionato che la Repubblica "è rimasta in piedi per mille anni". Questo all'inizio sembrava in conflitto sia con la storia più ampia del canone C che con il canone G nei film. Tuttavia, la Riforma di Ruusan - in cui la Repubblica viene riorganizzata in seguito alla già affermata sconfitta dei Sith mille anni prima dei film della Settima battaglia di Ruusan - fu inventata da scrittori successivi per dare una spiegazione sulla linea di Palpatine, portando così tutte queste fonti in relativa armonia attraverso un retcon. Spiega anche come Sio Bibble potesse onestamente affermare, in L'attacco dei cloni, che non c'era stata una guerra su vasta scala dalla formazione della Repubblica.

L'affermazione di Palpatine secondo cui la Repubblica "è rimasta in piedi per mille anni" potrebbe essere stata un'iperbole, in altre parole l'equivalente di dire che la Repubblica era "resistita per sempre" e non doveva essere presa alla lettera. Data la natura di Palpatine come politico, incline a fare affermazioni e generalizzazioni grandiose, dà grande peso a questa argomentazione. L'osservazione di Sio Bibble potrebbe anche essere intesa allo stesso modo, potrebbe non aver considerato le guerre precedenti come "su vasta scala" o in alternativa potrebbero esserci revisioni politiche alla storia ufficiale della Repubblica (come ce ne sono nella vita reale) che avrebbero potuto portare all'opinione pubblica maggioritaria che non c'erano state guerre precedenti, quando in realtà c'erano state.

Apparso in[]

Advertisement