Usws31 1000px.jpg

" I ribelli sono riusciti a distruggere la prima Morte Nera per pura stupida fortuna. Ricostruendo la Morte Nera e utilizzandola tutte le volte che sia necessario per ripristinare l'ordine, Noi dimostriamo che con soltanto  la loro fortuna non andranno molto lontano. Noi dimostriamo che siamo l'unica autorità galattica e sarà sempre così "

- Tenente Nash Windrider

La Seconda Morte Nera ( DS2 ), era una stazione da battaglia delle dimensioni di una piccola luna, contenente un super laser in grado di distruggere un pianeta .

Dopo la Battaglia di Yavin IV in cui fu distrutta la prima Morte Nera , l'Impero iniziò la costruzione di una seconda stazione, denominata Seconda Morte Nera o Morte Nera 2, di dimensioni e potenza distruttiva nettamente superiori.

Durante la Battaglia di Endor , pur essendo la sua super arma operativa, la stazione non era ancora completata, non è ben chiaro se per calcolo, cioè per favorire l'inganno dei Ribelli oppure per tempi costruttivi, ad ogni modo fu distrutta dai Ribelli .

La distruzione della Seconda Morte Nera, la morte dell'Imperatore Sheev Palpatine e del suo apprendista, il Signore dei Sith Darth Vader ,avvenute in comcomitanza, gettarono lo scompiglio ed il panico nella Flotta Imperiale che pur essendo ancora come numero di navi e potenza di fuoco nettamente superiore a quella della Nuova Repubblica battè in ritirata perdendo numerosi potenti vascelli.

Entro un anno dalla Battaglia di Endor , l'Impero  venne nella realtà dei fatti praticamente distrutto e la Nuova Repubblica divenne la potenza emergente della galassia .

Descrizione tecnica

Realizzata in acciaio al Quadanio , con un diametro che a seconda delle fonti era di 160 Km, mentre per altre superava i 900 Km; di forma sferica, suddivisa in due emisferi, nord e sud. Nell'emisfero nord venne installato il Superlaser , e tra le altre cose una sala del trono per l'Imperatore.

Rispetto alla Prima Morte Nera erano stati implementati i sistemi di difesa passivi, ma innanzi tutto era stato eliminato il famigerato condotto di aerazione del reattore che si era dimostrato fatale alla stazione stessa. 

L'interno era suddiviso in 560 livelli che potevano ospitare sino a 2.500.000 persone tra civili, militari, tecnici, equipaggio e via dicendo. Mantenere in orbita sincrona la Morte Nera 2, a causa della massa della stessa, richiedeva una forza enorme, veniva utilizzato il campo di repulsione creato dal generatore di scudi installato su Endor.

La Morte Nera 2, ha provocato squilibri di maree, terremoti ed altri fenomeni geologici sulla superficie di Endor.


Armamenti

L'arma primaria era sempre il Superlaser che però aveva subito delle importanti modifiche rispetto a quello della DS1, il tempo di ricarica era stato notevolmente ridotto, non più di tre minuti, mentre nell'arma originale il tempo di ripristino per il pronti a fare fuoco era di alcune ore, ciò significava che la DS2 aveva una potenza di fuoco infinitamente maggiore della DS1.

Memori della difficoltà della DS1 a contrastare l'attacco dei caccia stellari, era stata notevolmente incrementata la difesa di punto; erano state installate 15.000 tra batterie pesanti e standard con 7.500 cannoni laser e 5.000 cannoni ionici; inoltre vi erano 768 torrette per raggi traenti. La stazione ospitava  inoltre migliaia di caccia stellari TIE , la maggior parte smontati ed immagazzinati, e centinaia di mezzi per operazioni sulla superficie tra cui un numero impressionante di AT-AT ed AT-STS .

Tutta l'energia necessaria al funzionamento ed al movimento della stazione era fornito da una serie di reattori ipermateria.


Storia

Massa : " Non può essere. Il comandante Skywalker ha fatto esplodere quella cosa  a pezzi con un siluro protonico, E' polvere spaziale."

Madine : " Un vecchio hologramma allora. "

Ackbar : " Questo filmato è stato ottenuto meno di una settimana fa da operatori bothan. Viene da Endor, sul bordo dello spazio civilizzato. L'Impero ha iniziato la costruzione di una seconda Morte Nera.

- L'Ammiraglio Ackbar, il Generale Madine e l'Ammiraglio Massa in conferenza suZastiga

La distruzione della Prima  Morte Nera nel Sistema di Yavin , fu un colpo durissimo per l'Impero, non tanto materiale, quanto morale.

L'aura di invincibilità, di onnipotenza, era stata violata, strappata, i militari, tutti,  dal più alto ufficiale al più umile

La Seconda Morte Nera.

 fantaccino, si trovarono faccia a faccia  con la realtà. Profittando del momento di crisi,l'Imperatore sciolse il Senato e iniziò subito la costruzione di una nuova stazione da battaglia spaziale. Nelle sue intenzioni, la costruzione doveva essere più rapida, esente da difetti e punti deboli. Appena fosse stata pronta, sarebbe iniziata la campagna che doveva portare alla distruzione completa delle forze Ribelli.

La più grande flotta d'invasione che si fosse mai vista doveva bloccare i pianeti ribelli di Mon Calamari e Chandrila , impedendo qualsiasi iniziativa delle forze ribelli, poi la Morte Nera 2, li avrebbe distrutti, dimostrando una volta per tutte l'inutilità e l'impossibilità della lotta contro lo strapotere dell'Impero.

La supervisione del progetto fu affidata al Moff Tiaan Jerjerrod , con l'ordine preciso di far progredire i lavori nel modo più veloce ed efficiente possibile, L'Imperatore poneva la sua fiducia in Jerjerrod per l'ottimo lavoro da questi svolto nella costruzione della Prima Morte Nera.

Nonostante  tutto i lavori proseguivano a rilento ed a nulla valsero gli sforzi del Moff, problemi logistici, difficoltà di rifornimento,mancanza di operai, inefficienze burocratiche, tutto ciò nonostante  fossero messe a sua disposizione le risorse di decine di pianeti, che fosse stato istituita una rotta iperspaziale segreta per i rifornimenti.

Jerjerrod moltiplicò i suoi sforzi, più che altro per dimostrare a Darth Vader la sua dedizione al progetto ed all'Imperatore; ma Vader non si fece molti scrupoli e giustificandosi con il malcontento dell'Imperatore lo mise da parte. Nonostante l'aumento del ritmo di produzione delle componenti e del montaggio degli stessi, quando l'Imperatore, alcune settimane dopo, giunse in visita, larga parte di un emisfero era ancora coperto di impalcature.

Distruzione

" I sensori remoti hanno rilevato un insolito livello di attività imperiale nel sistema di Hudalia. In quella zona non c'è nulla di interessante per l'impero ne per chiunque altro. Perchè allora, l'Impero  vuole stabilire una base proprio lì ? "

-Ammiraglio Gial Ackbar

In realtà, la visita di Palpatine alla DS2, era parte di un piano mirante alla distruzione della Flotta Ribelle.

L'Imperatore aveva pianificato di attirare la Flotta Ribelle nel settore di Endor e di spingerla ad attaccare la DS2, a tale scopo aveva volutamente fatto filtrare delle false informazioni che davano la DS2 come non pronta al combattimento; in realtà era vero il contrario, la stazione era perfettamente in grado di utilizzare tutte le sue armi, non poteva invece muoversi. Giustamente però se si vuole che la preda abbocchi bisogna usare più di un'esca, la seconda informazione, questa volta vera, diceva che l'Imperatore era in visita alla Morte Nera 2.

Nello stesso tempo cominciò ad ammassare la Flotta Imperiale nel sistema di Hudalia in modo che nel momento in cui la Flotta Ribelle avesse attaccato la stazione si sarebbe trovata tra l'incudine ( la Flotta Imperiale ) ed il martello ( la DS2 ).

La Seconda Morte Nera era protetta da uno scudo SLD-26 generato sulla luna  Endor , conscio del fatto che i Ribelli dovevano ad ogni costo disattivare lo scudo, fece sbarcare le sue truppe migliori , in modo da poter intrappolare la squadra ribelle e catturarla, in modo particolare Luke Skywalker.

Tutto era pronto, ma come dicono i saggi comandanti, " Nessun piano, neanche il migliore dura più di cinque minuti in battaglia ".

Come previsto, l'Alleanza Ribelle ingoiò esca, amo e canna da pesca ed attaccò, tutto stava procedendo cme voleva Palpatine, la DS2, distruggeva le navi ribelli a colpi diSuperlaser , lo scudo non veniva disattivato, Darth Vader aveva catturato Luke Skywalker :  un trionfo che simultaneamente si trasformò in tragedia.

La distruzione della Seconda Morte Nera.

Grazie all'aiuto degli Ewok , la squadra guidata da Han Solo , riuscì a disattivare lo scudo, dando il via libera all'attacco dei caccia guidati da Lando Calrissian sul Millennium Falcon e da Wedge Antilles. Darth Vader si ribellò all'Imperatore e per salvare il figlio Luke lo uccise, morendo a sua volta per le ferite ricevute,mentre l'attacco ribelle fece esplodere il reattore sancendo la distruzione della Seconda Morte Nera.

Conseguenze

" Qui è Leia Organa, ultima principessa di Alderaan, precedentemente menbro del Senato Galattico e leader nell'Alleanza per la Restaurazione della Repubblica. Ho un messaggio per la galassia. La stretta dell'Impero Galattico sulla nostra galassia e sui suoi cittadini si è allentata. La Morte Nera al di fuori della luna boscosa di Endor non esiste più, e con essa la lesdership imperiale "

- Leia Organa

Le conseguenze furono molteplici, per semplificare possiamo dividerle in : conseguenze a breve termine, a medio termine ed a lungo termine.

Le conseguenze a breve termine furono assolutamente disastrose, la Flotta Imperiale dopo la distruzione della DS2 e la morte di Palpatine e Darth Vader era ancora in grado di combattere e avrebbe potuto prevalere se non fosse stata annichilita moralmente, i comandanti superstiti preferirono ritirarsi; ritiro che ben presto si trasformò in rotta, con la Flotta Ribelle all'inseguimento, inbaldanzita dalla vittoria. L'Impero perse decine di pianeti e centinaia di migliaia di uomini, si ridusse da ultimo a controllare un esiguo numero di pianeti sull'Orlo Esterno. Mentre l'Alleanza Ribelle lanciava proclami di vittoria su tutte le frequenze possibili, annunciando la distruzione della Seconda Morte Nera, la morte di Palpatine e Vader, allo scopo di far sollevare le popolazioni dei sistemi ancora occupati dagli imperiali, i portavoce ufficiali dell'Impero cercavano di minimizzare se non addirittura negare l'accaduto, arrivando a perseguire ed incarcerare chi riportava la notizia, ma fu tutto inutile, ormai la notizia era di pubblico dominio, inviati dei Ribelli, tra cui anche la Principessa Leia Organa, passavano da un pianeta all'altro per ufficializzare la resa delle forze imperiali che fungevano da guarnigione.

L'Impero o ciò che ne restava, continuò a combattere, ma era una causa persa, circa un anno dopo, la Flotta Imperiale subì una disastrosa e definitiva sconfitta nellaBattaglia di Jakku . Poco tempo dopo venne firmata la Concordanza Galattica , fortemente voluta da Mon Mothma .

Nel medio periodo fu proprio questo trattato che diede modo a ciò che rimaneva dell'Impero di riassestarsi, consolidarsi e cominciare a pensare al da farsi, per riprendersi e ritornare ad essere se non quello di un tempo una forza in continua espansione e sempre più pericolosa; complice anche la politica di appaesement fortemente voluta dalla Cancelliera della Nuova Repubblica : Mon Mothma. Ridurre le spese militari e usare le risorse così conseguite per  sollevare le popolazioni colpite dalla guerra, ripianare i debiti,investire in opere di vera utilità per i popoli della galassia .

A lungo ttermine nacque nei territori occupati dall'Impero una nuova forza che a poco a poco ne prese il posto: Il  Primo Ordine .

Il Primo Ordine iniziò da subito una politica molto aggressiva e priva di scrupoli alla quale la Nuova Repubblica non era in grado di opporsi. Iniziò una corsa al riarmo, all'implementazione dell'esercito e della flotta, ostentando senza tanti giri di parole di voler ripristinare l'Impero.

Una delle prime e più importanti realizzazioni fu una nuova stazione da battaglia chiamata Base Starkiller .

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.