FANDOM


Eras-legends

Serenno
Serenno
Astrografia
Regione

Territori dell'Orlo Esterno

Sistema

Sistema Serenno

Lune

2

Coordinate

P-5

Informazioni fisiche
Classe

Terrestre

Atmosfera

Respirabile

Terreno principale
  • Pianure
  • Montagne
  • Foreste
Punti d'interesse
Politica
Specie immigrate

Umano

Linguaggio/i

Basic Galattico Standard

Demonimi

Serenniani

Affiliazioni

Serenno era un pianeta localizzato nei Territori dell'Orlo Esterno ed era famoso per aver dato i natali al Conte Dooku.

Storia

Mille anni prima della Battaglia di Yavin, il pianeta era governato dai sei Grandi Casate a cui i Conti di Serenno appartenevano. I Conti erano celebri per le loro ricchezze, che non avevano nulla da invidiare alle più grandi organizzazioni commerciali; già all'epoca Serenno era un membro influente della Repubblica Galattica, e già presentava alcuni elementi di insofferenza al governo galattico che sarebbe sfociato nella Crisi Separatista sebbene nutrisse Dooku nacque nel 102 BBY, e la sua famiglia portava il titolo di conte; tuttavia egli non rivestì mai tale carica perché venne scoperto dai Jedi e invitato ad unirsi all'Ordine. Circa 70 anni dopo, Dooku dopo la morte del suo amico ed ex-padawan Qui-Gon Jinn e dopo gli eventi di Galidraan rinunciò al suo titolo in seno ai Jedi e tornò su Serenno per riappropriarsi del suo titolo ereditario e delle ricchezze della sua famiglia. Fu in questo periodo che l'uomo incontrò Darth Sidious e accettò gli insegnamenti proibiti del Lato Oscuro della Forza, diventando Lord Tyranus.

Nei successivi 10 anni, egli si dedicò alla crescita del movimento separatista e, con lo scoppio delle Guerre dei Cloni, Serenno divenne una delle roccaforti del CSI . Poco tempo dopo il tradimento di Dooku nei confronti di Asajj Ventress, quest'ultima giunse sul pianeta, accompagnata da due Sorelle della Notte nel tentativo di ucciderlo camuffate da Jedi. Il piano fallì e le Sorelle furono costrette a fuggire.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.